Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 27 Giugno 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Il Mercato Elettronico

 .
 

Affari con la PA: più opportunità on line!

Anche in Italia, con la Finanziaria 2007, il market Place si diffonde sempre più... E conviene

Il DPR 101 del 2002 ha introdotto il Mercato Elettronico della PA quale nuovo strumento d’acquisto per approvvigionamenti di importo inferiore alla soglia comunitaria.

Il Mercato Elettronico della PA (Marketplace) rappresenta uno strumento innovativo di comunicazione e di vendita per i fornitori, ovvero uno strumento di acquisto integrativo rispetto ai processi decisionali attuali per le Pubbliche Amministrazioni.

Per abilitarsi al Mercato Elettronico della PA gli utenti devono essere in possesso di alcuni requisiti tecnologici elementari. Inserirsi in tale sistema può comportare per le imprese notevoli vantaggi in termini di visibilità nelle trattative di compravendita di prodotti e servizi che coinvolgono una P.A.

 

L’obiettivo primario del Marketplace è di fornire parametri univoci a livello qualità/prezzo, che, oltre a semplificare l’iter di scelta e di acquisto delle Pubbliche Amministrazioni, garantiscano trasparenza nelle transazioni ai fornitori. In altre parole, il Mercato Elettronico della PA è volto a facilitare l’incontro di domanda e offerta nell’ottica di rendere “sana” la procedura di acquisto delle Pubbliche Amministrazioni.

 

Il sistema integra le tradizionali modalità di acquisto e non sostituisce le convenzioni preesistenti. L’inserimento sul Mercato Elettronico per i soggetti interessati è gratuito e non imitato da “numeri chiusi”.

Per abilitarsi è sufficiente possedere una connessione ad internet e disporre della firma digitale.

 

Dal 1. luglio obbligatorio l’acquisto tematico dei beni e di   serivizi Aumentare di oltre un terzo il valore delle transazioni effettuati in rete. E, contemporaneamente, raddoppiare il numero delle Pubbliche Amministrazioni on line ordinanti e dei fornitori abilitati . E’ il duplice effetto che Consip attende dall’entrata a regime delle novità riguardanti il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (il cosiddetto MEPA ). Ma i benefici analoghi dovrebbero arrivare ds un ricorso piùcapillare al sistema delle convenzioni quadro semprechè il legislatori non torni di nuovo sui suoi passi.

Le modifiche più ampie riguardano proprio il MEPA. La Finanziaria  2007 ha previsto che, a partire dal primo luglio prossimo, tutte le Piccole Amministrazioni (con esclusione delle scuole degli istituti di educazione e delle università) utilizzino questo strumento  per gli acquisiti di beni e servizi di valore inferiore alla soglia di rilievo comunitario. Vale a dire 211.mila Euro per le Amministrazioni territoriali e 137 mila euro per quelle centrali.

 

Passando ad analizzare glii effetti delle novità introdotte dalla manovra di fine anno, la Consip prevede una sensibile crescita sia del numero che del controvalore delle transazioni. Nel 2007 il volume degli approvvigionamenti effettuati tramite il mercato elettronico dovrebbe toccare quota 52 milioni di ero contro i 38 del 2006.

Nel medesimo arco di tempo i punti ordinanti attivati dalle amministrazioni italiane dovrebbero passare da 1.255 a circa 2.000. Ma il bacino potenziale conta oltre 4.200 uffici pubblici.

Allo stesso modo, le imprese accreditate come fornitori dovremo salire da 1.130 a 1.180.

 

Per aiutare le imprese  ad avvicinarsi a questa grande opportunità, Confcommercio Unione Venezia, in collaborazione con l'Azienda  speciale della Camera di Commercio Venezi@ Opportunità e CONSIP, hanno avviato da oltre un anno, una serie di attività formative ed informative.

 

Ne è sorto un apposito Sportello Market Place di Confcommercio Unione Venezia gestito da personale formato ad hoc sulle procedure e sulle modalità di inserimento ed accreditamento, per offrire un supporto concreto alle imprese interessate.

In questo Venezia si attesta tra le province italiane capofila nella sperimentazione del Marketplace, che rappresenta un’opportunità validissima per le imprese che decideranno di registrarsi nelle prime fasi di avvio.

 

Per saperne di più: vai al sito marketplace@confcom.it oppure contattaci presso l'Unione, tel. 041 53 10 988  fax 041 53 10 422 e.mail: unione@confcom.it.

 

Il sito di CONSIP è: www.acquistinretepa.it


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole