Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 26 Settembre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Outlet: da Serravalle Scrivia...

 .
 

Se l'outlet mette out l'arte del commercio...

Federazione Moda Italia di Venezia esamina gli impatti dell'Outlet: visita a Serravalle Scrivia

L’Unione Confcommercio di Venezia con il sindacato di Categoria Federazione Moda Italia ha organizzato la visita all’Outlet della McArthur Glen di Seravalle Scrivia (Alessandria) il 15 maggio scorso per offrire agli operatori del nostro territorio l’occasione di constatare di persona e fare le proprie valutazioni  sulla grande struttura distributiva e i effetti possibili per le loro aziende e l’impatto più complessivo sul tessuto economico, sociale e sulla mobilità per una ampio raggio di territorio, nel caso ne venisse aperta una simile a Noventa di Piave.

 

La delegazione provinciale, costituita da circa 40 operatori, è stata coordinata dal presidente del sindacato provinciale veneziano di Federazione Moda Italia, Giannino Gabriel e supportata sul piano organizzativo dai funzionari di Confcommercio Unione Venezia.

Alla delegazione facevano parte anche il Presidente del mandamento di San Donà –Jesolo Claudio Schettino e l’esponente di FIPE Venezia Roberto Ventura.

 

Pur essendoci altre realtà simili e più vicine a Venezia, è stata scelta la visita all’Outlet di  Seravalle, - in realtà a pochissimi  chilometri da Novi Ligure, cittadina di oltre 35.000 abitanti e  30 km dal capoluogo Alessandria - in quanto la società di gestione, la McArthur Glen è la tipica multinazionale made in Usa, ed è la stessa che dovrebbe approdare a Noventadi Piave.

 

Determinate per comprendere strategie e dinamiche gestionali è stato l’incontro durato due ore tra la delegazione ed i vertici della McArthur Glen (presente il direttore responsabile del centro di Serravalle ed il top manager di Mc Arthur Glen South Europe).

All’incontro erano  presenti anche il l presidente provinciale di Alessandrina della  Federazione Moda Italia Confcommercio, e il presidente ASCOM di Novi Ligure, che hanno portato la loro testimonianza sia come operatori in seno all’outlet sia come commercianti dei centri cittadini limitrofi.

 

L’Outlet si presenta nel suo complesso come un “centro storico ideale”, ma naturalmente virtuale (davanti le facciate ricordano una tipica piazzetta italiana, o una via dei paesini piemontesi, dietro si sviluppa un semplice capannone).

Strutture industriali mascherate con speciali tecnologie edilizie. il risultato? un meraviglioso “set cinematografico”, grande immagine, impeccabile anche dopo anni, con negozi che si presentano con costosissimi arredi ed affacciati su belle piazzette con fontane panchine, verde (non molto), parcheggi (da aeroporto internazionale).

 

L’Outlet, come accennato dalla normativa nazionale e, nel Veneto, disciplinato dall’art. 12 della Legge Regionale sul commercio n. 15/2004, t è espressione di uno spaccio aziendale (non rientra quindi di per sé nella disciplina del commercio) che ha la caratteristica di trovarsi in un luogo distinto, anche parecchi chilometri, dalla sede di produzione dei beni che spaccia.

Da sottolineare che la dizione outlet è utilizzabile solo ed esclusivamente dal roduttore e che pertanto l’’uso in commercio è illegale. La vigilanza sul rispetto della vigente normativa spetta al Comune e quindi al sindaco, attraverso le ispezioni della polizia urbana.

 

L’outlet di Serravalle Scrivia, secondo un modello già collaudato anche in altre regioni italiane e d’Europa, opera su un bacino di utenza di 13 milioni di abitanti, che possono raggiungere la struttura in poco più di un’ora.

Sulla città di Alessandria l’impatto dell’outlet è stato negativo. La città ha visto fortemente erodere il ruolo capoluogo e di riferimento geoeconomico del territorio. Molti negozi hanno chiuso,  mentre affiorano nuovi insediamenti di grande distribuzione ad altissimo livello di immagine ed arredi con bassissimo profilo di prodotto spesso importato.

La più vicina Novi Ligure a 7 Km, si presenta oggi con negozi di profilo medio basso quasi tutti, pur avendo un bellissimo e caratteristico centro storico, vivacemente frequentato dalla cittadinanza..

Per il presidente  dell’Ascom di Novi Ligure la migliore risposta per gli operatori dei negozi di città al “fenomeno outlet” è quella di  eliminare le griffe trattate in negozio  se presenti nell’Outlet, perché la possibilità di entrare in competizione sarebbe impossibile.

Il problema è che nell’Outlet sono presenti 170 industrie che vendono griffato: resta ben poco da scegliere!

Tuttavia altro elemento  importante di reazione è quello di elevare la qualità del prodotto venduto, l’immagine e il servizio, attraverso un’opportuna formazione del personale e dei titolari, infine scegliere aziende che assistano il commerciante in forma diretta.

Solo chi sarà capace di evolversi e di fare sistema resisterà.

 

Innovazione e iniziative concertate tra operatori, pubblica amministrazione e, in qualche non raro caso, anche con il supporto della stessa McArthur Glen sembrano essere gli ingredienti strategici per superare l’impatto.

A Novi Ligure è stato costituito un apposito Consorzio di oltre 80 negozianti estremamente vivace. Rimane il fatto che nei comuni compresi nei primi 30/40 km di vicinanza all’Outlet i centri storici sono stati fortemente penalizzati molti negozi di prestigio sono spariti,

 

Per tornare alla realtà di più diretto interesse per l’area veneziana, appare confermato che un outlet a Noventa di Piave, aumenterà il traffico a dismisura, abbasserà il livello di qualità del prodotto distribuito. Ma soprattutto renderà superflua la presenza di della maggior parte di griffe, per lasciare ulteriore spazio a prodotti distribuiti in grandi negozi a basso prezzo, il tutto certamente non sarà a favore dei centri storici e delle città provincia limitrofe.


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole