Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 26 Maggio 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

SISTRI

 .
 

SISTRI

Richiesta una proroga, ma è più probabile una partenza a "fasi"

I problemi più gravi, emersi dall'oltre il 90%delle segnalazioni di allarme lanciate dalle imprese in occasione del click day dello scorso 11 maggio, riguardano proprio l'impossibilità di dialogare tra i sistemi informatici delle diverse imprese e il software centrale del SISTRI.
Per questo nelle ultime ore è stato messo a punto un piano, concordato tra Ministero dell'Ambiente e imprese informatiche Assosoftware di Confindustria e Assintel di Confcommercio, per risolvere i nodi del Sistri, sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti. Permane a tutt'oggi la volontà della Ministro Prestigacomo di non considerare nemmeno l'eventualità di una proroga (il primo giugno infatti si dovrebbe partire), anche se si fa strada la possibilità di aprire comunque con una fase di "prova" durante la quale risolvere le problematiche che emergeranno sospendendo le sanzioni, naturalmente solo per coloro che si attiveranno regolarmente e laddove non vi sia palese dolo.
In queste ore dunque, le diverse rappresentanze associative delle imprese e il Ministero stanno lavorando su tre linee operative: 1. supporto alla formazione tecnica, già in corso attraverso una serie di workshop mirati al perfezionamento dei processi di interoperabilità; 2. l'avvio di una sperimentazione mirata su un campione rappresentativo di imprese di tutti i settori coinvolte nella filiera della gestione dei rifiuti;3. una gestione ad hoc dei casi particolari, che permetterebbe al Sistri di non essere bloccato da casi isolati che hanno specifiche criticità'.
Nella giornata del click day le imprese hanno inviato ben 16.620 segnalazioni, delle quali 14.934, pari al 90%, hanno lamentato malfunzionamenti di varia natura che hanno interessato l'intera filiera: produttori, trasportatori e gestori di rifiuti.
Il sistema delle imprese e le rispettive rappresentanze associative concordano pienamente sul fatto che il nuovo sistema rappresenta un fatto positivo, ma occorre che sia adeguatamente testato. Le imprese vogliono applicare la legge, ma chiedono di essere messe in condizione di farlo.
Come notizia "d'ultima ora" è stata formulata una richiesta delle categorie di far slittare almeno di sei mesi l'avvio del SISRI per consentire davvero di eliminare almeno le problematiche emerse come le più complesse e di natura strutturale.
Torneremo tempestivamente su questa pagina per aggiornarvi sulle disposizioni che il Ministero impartirà nelle prossime ore.
E' comunque opportuno che ogni impresa stia in contatto con il proprio consulente e con le aziende di servizi ambientali di Confcommercio, (come Ter Ambiente, per Confcommercio Unione Venezia) per essere sicure ed evitare di compiere eventuali errori o contravvenzioni alla normativa.

25/05/2011


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole