Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 25 Aprile 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

FIVA

 .
 

FIVA

Decreto cultura, adeguamenti insufficienti

Le Commissioni Riunite VII (Cultura e Istruzione) e X (Attività produttive) della Camera hanno avviato l'esame del Decreto 83/2014; in particolare all'art. 4 è stato approvato l'emendamento 4.29 delle relatrici on. Coscia e dell'on. Petitti, emendamento che, anche se ancora insufficiente a recepire le istanze degli operatori, segna tuttavia un modesto passo in avanti perché:
- limita la portata della norma non più ai "siti culturali" ma soltanto ai "complessi monumentali" interessati da flussi turistici particolarmente rilevanti;
- riequilibra i poteri fra Sovrintendenze e Comuni, presupponendo una "intesa" di quest'ultimi e non soltanto la loro consultazione;
- amplia la misura dell'indennizzo da corrispondersi in caso di revoca delle concessioni.

L'emendamento - ribadisce la Federazione dei venditori ambulanti di Confcommercio - è giudicato ancora insufficiente perché non garantisce, nel contesto delle aree in oggetto, la presenza del commercio su aree pubbliche rispetto ad altre forme di distribuzione. Sul tema vi è infatti una questione pregiudiziale da parte del Ministro che ha, sostanzialmente, imposto la "blindatura" del testo. Rispetto a tale posizione a nulla sono valse le proposte emendative ispirate dalla nostra Organizzazione in forma unitaria con Anva Confesercenti, se non appunto a produrre le modifiche di cui sopra.

Nonostante ciò FIVA sta continuando la sua azione sindacale sui parlamentari, in previsione dell'arrivo in Aula del provvedimento: in questo senso il Presidente Errico ha incontrato, nella giornata di ieri, il Presidente dell'Assemblea del PD on. Matteo Orfini al quale ha rappresentato tutto il malessere degli operatori per quello che viene considerato un ingiusto attacco verso la categoria ed ha chiesto di valutare nella giusta dimensione, e nel loro spirito costruttivo, le proposte che sono state avanzate.

La questione rimane, in ogni caso, estremamente preoccupante: la Giunta della Federazione - convocata per domenica 13 luglio - deciderà quali altre azioni adottare e quali forme di protesta avviare a tutela degli operatori dei centri storici.

Ulteriori info su: http://www.fiva.it/dettaglio_news.asp?id=498

02/07/2014


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole