Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 25 Settembre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Riprendiamoci il futuro

 .
 

Senza l'impresa non c'è Italia. Riprendiamoci il futuro

Il prossimo 18 febbraio oltre mille imprese del commercio, del turismo e dei servizi del Veneto scenderanno a Roma e si uniranno alle innumerevoli micro e piccole imprese del resto d'Italia, non solo del terziario, ma anche dell'artigianato. Dunque anche l'impresa scende in piazza? Avremmo forse potuto cercare di incontrare la politica in qualche salotto buono, accoglierla in una delle nostre sedi di rappresentanza. Ma la piccola impresa è l'impresa della famiglia, del collaboratore che conosci da ragazzo, è fatta di sentimenti schietti e sinceri, del colloquio aperto più che del fine negoziato, della stretta di mano, del rapporto umano nella piazza del paese, appunto...
E' l'impresa che lavora per le imprese, ma anche per le persone, per i cittadini, in città più che nelle periferie. La piccola impresa è quella che volente o nolente dà lavoro alla città e dà alle strade della città un senso. Anche quando in periferia, molti hanno chiuso per andare oltre la cortina... di ferro fiscale. Per questo anche il mondo del terziario, insieme all'artigianato, martedì 18 febbraio ha scelto la piazza, si la piazza, simbolicamente quella dei Santi Apostoli a Roma, perché in famiglia si sente davvero aria da ultima cena. Abbiamo scelto la piazza con l'esasperazione di chi non ce la fa più a non poter lavorare, ma anche con l'entusiasmo e la trasparenza di chi ha molto da dire perché le proposte ci sono: ma sono sepolte sulle scrivanie dei ministeri e sugli scranni dei parlamentari, da pile di carta che poco hanno a vedere con l'emergenza da protezione civile che grida questo Paese. Per questo vogliamo ritrovarci in pazza: non perché la debolezza ci ha precluso il Palazzo, ma perché volevamo dare a tutti i nostri imprenditori, associati e non, la possibilità di essere presenti al momento in cui diremo le nostre istanze e le nostre proposte al Governo e al Parlamento.
La manifestazione di Roma non pretende di avere una risposta: la nostra è soprattutto coscienza, non accondiscendenza ad uno Stato di fatto imbrigliato dalla politica di bassa levatura. Disillusi che questo Governo sia in grado di formulare una politica per il turismo, per il mondo dei servizi e del commercio, vogliamo dare un messaggio chiaro e ricordare, con i numeri delle persone, che cos'è il terziario: tutto! Che cosa ha contato finora? Nulla. Che cosa chiede? Contare qualcosa.

mimetype Locandina18Febbraio.pdf

https://www.youtube.com/watch?v=ZaOIicIV5v4&feature=em-upload_owner

10/02/2014


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole