Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 26 Settembre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

LEGGE REGIONALE SUL PANE

 .
 

Recepita la proposta di Legge presentata nel 2007 dalla Federazione di Confcommercio

PANIFICATORI CONFCOMMERCIO VENETO: "LEGGE REGIONALE SUL PANE, NOSTRA VITTORIA A SALVAGUARDIA DELLA SALUTE DEL CONSUMATORE E DEI NOSTRI PRODOTTI TIPICI"

"Quella sul pane è una nostra vittoria". Lo dice Massimo Gorghetto, presidente regionale dei panificatori di Confcommercio Veneto, il riferimento è all'approvazione della Legge regionale sul pane fresco varata ieri sera dal Consiglio regionale del Veneto.

"Finalmente una distinzione netta tra pane fresco e surgelato - dichiara Gorghetto - a si saprà anche da dove proviene il prodotto e dove è stato lavorato. Sono state recepite le nostre richieste, avanzate in una proposta di legge stesa dalla Federazione dei panificatori di Confcommercio Veneto assieme alla Fippa (la Federazione provinciale di Venezia della categoria) e consegnata alla Regione nel 2007. Già in quel testo si parlava di criteri precisi per potersi avvalere della denominazione di panificio, e sempre in quel progetto si chiedeva che venisse posta una distinzione netta e chiara, a vantaggio del consumatore, tra il pane fresco e quello congelato, e che fossero chiari la provenienza e il luogo di lavorazione del prodotto".

"Il problema è che finora nessuno aveva tutelato noi che facciamo il pane fresco, né i consumatori, che non sanno quale sia la provenienza degli ingredienti che lo compongono. Attualmente c'è pane surgelato che arriva dalla Romania o da altri Paesi e che ha anche un anno e più di stoccaggio. Si crede di comprare pane fresco, invece... Il risultato è che noi che il pane lo facciamo fresco lavorando anche di notte abbiamo subito fino a questo momento una concorrenza sleale da parte di chi lo estraeva dal freezer e lo infilava direttamente nel forno. Siamo soddisfatti e ringraziamo la Regione per aver finalmente recepito le nostre proposte ponendo rimedio una situazione di disparità che ha contribuito, assieme alla crisi ovviamente, a potare le aziende venete di panificazione dalle oltre 2500 del periodo antecedente la crisi alle attuali 2300 circa".

"Un traguardo importante - aggiunge il presidente di Confcommercio Veneto Massimo Zanon - anche in difesa del Made in Italy e in particolare dei prodotti locali che vanno tutelati contro la contraffazione e a salvaguardia della qualità dei prodotti alimentari".

18/12/2013


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole