Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 21 Novembre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

IVA 22%

 .
 

Cosa accadrà con l'IVA al 22%

Le stime dell'Ufficio Studi Confcommercio sugli effetti dell'IVA dal 21% al 22%

Se l'IMU sembra destinata a non turbare più il sonno degli italiani che sono proprietari della sola casa dove abitano, a destare serissima preoccupazione è il fatto che il Governo non ha ancora scongiurato l'ultimo incremento dell'IVA previsto per ottobre prossimo. Un altro salto dall'attualel 21% al 22% per l'imposta sul valore aggiunto. Va detto che non sono pochi, nella stessa compagine governativa, a dire che l'aumento IVA sarà inevitabile proprio a causa della necessità di trovare le risorse per sostituire quelle che venivano attribuite al prelievo IMU: circa 4 miliardi di euro.
Da tempo tutte le categorie economiche stanno premendo sul Governo per scongiurare quello che potrebbe essere un colpo mortale alla possibile ripresa dei consumi e persino un boomerang per lo stesso bilancio dello stato e per l'economia. L'ufficio studi di Confcommercio ha fatto qualche conto che delinea un quadro davvero raggelante per l'economia e per i cittadini.
Anzitutto l'impatto sui prezzi tra ottobre e novembre: +0,3% / +0,4%, a causa del cosiddetto "effetto scalino".
I consumi interni si contrarrebbero ulteriormente del -0,1% in termini reali nel solo 2013 ma con effetti deprimenti su produzione e quindi sul PIL: a pagarne il conto sarebbero proprio consumatori più deboli perché si perderebbero subito 10mila posti di lavoro circa a seguito di una flessione del Pil del -0,05%. E tutto questo sempre e solo per l'anno in corso.
Intuibile l'effetto perverso sul gettito: si compra di meno quindi l'IVA da incassare diverrebbe poco più che un miraggio: infatti l'impatto sui redditi sarebbe immediato poiché la pressione Iva (rapporto tra reddito e Iva pagata) per il 20% di famiglie più povere arriva al 10,5% mentre per il 20% di famiglie più ricche la pressione è pari al 7,5%.
Insomma un aumento che renderebbe l'IVA davvero un'Imposta... Vieta Acquisti!

30/08/2013


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole