Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 29 Aprile 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

IMU, TARES E ...

 .
 

IMU, TARES E ... IMPOSTA DI SOGGIORNO!
CONFCOMMERCIO BIBIONE DICE BASTA

E' giunto il momento che qualcuno faccia un esame di coscienza, anche a livello di territorio!

Perché, se vero è che alcuni balzelli piovono dall'alto, da un Governo che oggi ancora latita e che tutto dovrebbe fare tranne che inventarsi trucchi che dal cappello vedono spuntare sempre e comunque le piccole e medie imprese, è altrettanto vero che a livello locale deve essere fatto di più, molto di più per coloro che oggi rendono vive le spiagge: ci riferiamo alle strutture ricettive, alle agenzie turistiche, ma anche e sopratutto a negozi e pubblici esercizi.

Confcommercio, ribadisce una volta di più la sua contrarietà ad una imposizione fiscale sempre più pesante ed ad un immobilismo che sembra aver coinvolto anche l'amministrazione comunale.

E come se non bastasse vengono tagliati servizi indispensabili, come ad esempio l'APT che non dà più un sevizio di assistenza ed informazioni al turista degno della nostra località.

Ieri l'IMU , oggi la TARES.... e domani?

A pagare sono i soliti noti: alberghi, bar, ristoranti che nell'ultimo triennio hanno subito aumenti "in negativo" superiori al 100%, anche ortofrutta, pescherie, negozi di fiori, distributori di carburanti, campeggi, stabilimenti balneari devono sottostare a maggiorazioni esagerate. Tutti i settori della nostra economia locale, già provati da un avvio di stagione balneare sicuramente non positivo, stanno (è proprio il caso di dirlo) naufragando.

L'ultima arrivata in ordine di tempo è la famigerata tassa di soggiorno: dal 2013 anche Bibione non ha voluto essere da meno! Confcommercio Bibione, con altre Associazioni di Categoria del territorio, già dal 2011 aveva espresso parere contrario alla nuova imposta, sperando in un abbandono da parte dell'Amministrazione Comunale. Anche perché, nonostante sia già applicata e conosciuta in diverse parti del mondo, l'imposta in questo momento è una tassa anti-turismo per definizione, metterà probabilmente in ginocchio un settore già pesantemente bersagliato dalla crisi e pressato dal fisco e creerà una disparità tra Bibione e la vicina Lignano dove sappiamo non verrà applicata.

Assodato che l'Amministrazione Comunale "non ha potuto fare a meno di approvarla", la tassa di soggiorno deve essere destinata a finanziare interventi in materia di turismo. E visto che contestualmente all'approvazione della tassa, sono venuti meno determinati supporti logistici (fornitura delle attrezzature come palchi, transenne, ecc.), come Confcommercio abbiamo avanzato una richiesta di aiuto al Comune, per la realizzazione di manifestazioni studiate e programmate nell'arco dell'intero inverno appena trascorso.

Fortunatamente l'amministrazione in queste ore sta dando seguito a questa richiesta. Speriamo che la strada imboccata sia quella giusta, ancorché in salita.

 

19/04/2013


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole