Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 26 Giugno 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

MIC

 .
 

Un metro di misura per valutare la crisi

Si chiama Misery Index Confcommercio (MIC) ed è il nuovo indicatore macroeconomico mensile di disagio sociale messo a punto da Confcommercio-Imprese per l'Italia: i classici indicatori della micro e macro economia, infatti, non sembrano più essere più adeguati. Il MIC è stato presentato venerdì 22, a Cernobbio, in occasione del tradizionale Forum annuale del terziario di Confcommercio ed ha subito colpito perche', impietosamente, può descrivere il malessere sociale ed umano, ancor prima che economico che, come a sottolineato lo stesso Presidente Confederale Carlo sangalli, sta piegando la società italiana.

Il MIC considera assieme, pesando di più le componenti relative al mercato del lavoro, la disoccupazione ufficiale, la cassa integrazione, gli scoraggiati e il tasso di variazione dei prezzi di beni e servizi acquistati in alta frequenza. Ebbene il valore più alto è stato raggiunto a fine 2012. Il tasso di disoccupazione nel mese di gennaio 2012 ha raggiunto l'11,7%, pari a 3 milioni di persone. Gli scoraggiati, misurati in una metrica conservativa, sono ormai 680mila: erano 380mila all'inizio del 2008. I cassintegrati equivalenti, contati cioè come quei soggetti che non lavorano neppure un'ora al giorno, sono stabilmente sopra le 200mila unità.

Solo l'inflazione sta dando un po' di tregua.

Nel complesso, il MIC, vera spia rossa accesa del disagio sociale è raddoppiato tra inizio 2007 e inizio 2013.

I Forse più aderente alla realtà quotidiana di quanto non lo sia l'asettico PIL, il Misery Index è correlato con la povertà assoluta.

La prospettiva? Le elaborazioni stimano oltre 4 milioni le persone assolutamente povere nella media del 2013, rispetto al dato certificato dall'Istat di 3,5 milioni circa per il 2011. Nel 2006 le persone assolutamente povere erano meno di 2,3 milioni, ma nel corso dei cinque anni successivi sono mediamente cresciute al ritmo di 615 al giorno, per un totale di un milione e 120mila poveri assoluti aggiuntivi tra il 2006 e il 2011.

25/03/2013


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole