Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 22 Giugno 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Risoluzione MISE

 .
 

Risoluzione MISE

Divieto di vendita di bevande alcoliche nelle ore notturne

Con risoluzione del Ministero dello sviluppo economico (MISE) del 20 febbraio U.S. è stato diffuso un parere del Ministero dell'Interno in merito all'applicazione dell' interruzione della vendita di bevande alcoliche nelle ore notturne.

Il DL 3 agosto 2007, n. 117 (Codice della strada) all'articolo 6, comma 2-bis sanciva l'obbligo, per i soli esercizi di vicinato, di non vendere bevande alcoliche e superalcoliche dalle ore 24 alle ore 6, comminando al successivo comma 3, le sanzioni amministrative applicabili all'inosservanza del disposto.

A seguito dell'entrata in vigore della liberalizzazione degli orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali per effetto dell'articolo 31 della legge 214/2012, è stato posto un quesito al Ministero dello sviluppo economico per sapere se il divieto di vendere alcolici nelle ore notturne, previsto e sanzionato esclusivamente per gli esercizi di vicinato, fosse da ritenersi applicabile anche alle altre tipologie di esercizi commerciali quali medie e grandi strutture di vendita.

Il Mise aveva a suo tempo risposto ritenendo che la "ratio" del divieto mirava a limitare il consumo delle bevande alcoliche nelle ore notturne, a prescindere dal tipo di esercizio che le ponesse in vendita anche se, la mancanza di una specifica fattispecie sanzionabile, richiedeva apposita pronuncia da parte del Ministero dell'Interno.

Il Ministero dell'Interno con propria nota si è espresso nel senso di ritenere che il divieto di vendere alcolici dalle ore 24 alle 6, previsto dal Codice della Strada nei confronti dei soli esercizi di vicinato, debba ritenersi applicato anche alle medie e grandi strutture di vendita e che alle stesse debbano essere applicate le medesime sanzioni comminate dal comma 3 dell'articolo 6 del DL 3 agosto 2007, n. 117, ovvero:
sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 5.000 a euro 20.000;
se siano state contestate, nel corso del biennio, due distinte violazioni è disposta la sospensione della licenza o dell'autorizzazione all'esercizio dell'attività ovvero dell'esercizio dell'attività medesima per un periodo da sette fino a trenta giorni, secondo la valutazione dell'autorità competente.

21/03/2013


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole