Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 28 Luglio 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

PROGETTO SPERIMENTALE

 .
 

Confcommercio, Ente Bilaterale e Sindacati

DA VENEZIA PROGETTO SPERIMENTALE PER INCENTIVARE I CONTRATTI A TEMPO INDETERMINATO
NUOVI SUSSIDI AI LAVORATORI E INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE AZIENDE

Incentivi alle aziende per favorire le assunzioni a tempo indeterminato nelle imprese del commercio. È l'iniziativa-pilota attivata in via sperimentale in provincia di Venezia, unica nel Veneto, per la quale sono stati stanziati 150mila euro per un massimo di 5mila euro per ogni azienda (liquidabili in 2 tranche) che, in possesso dei requisiti richiesti, assumerà un dipendente a tempo indeterminato.

L'iniziativa parte da oggi assieme a una campagna di informazione negli organi di stampa locali. A presentarla questa mattina, nella sede di Mestre dell'Ente Bilaterale Terziario della provincia di Venezia, il presidente di Confcommercio Unione Venezia Massimo Zanon, il presidente dell'Ente Bilaterale Andrea Gaggetta, i segretari provinciali di Filcams Cgil Monica Zambon e Uiltucs-Uil Luigino Boscaro.

La seconda iniziativa attivata da subito con l'accordo è il sussidio a lavoratori e aziende del commercio che, grazie allo stanziamento di un fondo di 240mila euro, prevede misure quali un premio di natalità di 600 euro alla nascita del figlio o in caso di adozione, un concorso spese annuale per l'asilo nido di 500 euro per i primi 3 anni di frequenza, un rimborso spese per protesi oculistiche, acustiche e ortodontiche compreso fra i 200 e i 350 euro, un concorso spese di 550 euro all'anno per l'assistenza di un genitore al figlio disabile, un sussidio prima casa di 700 euro per l'acquisto o la ristrutturazione (a fronte di una spesa sostenuta non inferiore ai 16mila euro), un contributo di 250 euro per l'acquisto di testi scolastici dei figli, un contributo di 250 euro per le tasse universitarie, un sussidio per i buoni mensa di 200 euro ai genitori di figli che frequentano le scuole elementari a tempo pieno.

Un terzo punto prevede invece contributi per le imprese: per l'acquisto delle divise da lavoro (fino a un massimo di 100 euro per persona), per le spese di redazione del Documento Valutazione Rischi (fino a un massimo di 450 euro), per i dispositivi di protezione individuale (fino a un massimo di 100 euro all'anno), per i piani formativi degli apprendisti (massimo 150 euro per addetto e 300 euro per azienda), per la posta certificata e firma digitale (35 euro), per le visite mediche aziendali (massimo per azienda di 500 euro), per l'indennità economica di malattia dei lavoratori apprendisti (contributo del 50% dell'indennità economica, fino a esaurimento fondi).

Le misure previste dall'accordo sono rivolte alle imprese iscritte all'Ente da almeno un anno e in possesso di una serie di requisiti minimi indispensabili.

"L'apertura verso le imprese è un segnale di lungimiranza - dichiara il presidente di Confcommercio Venezia Massimo Zanon - La nostra missione non è quella di fare cassa, ma di porci a disposizione dei lavoratori attraverso il sostegno alle aziende che stanno vivendo un momento di grave difficoltà".

"Con il sostegno alle imprese - aggiunge il presidente dell'Ente Bilaterale Andrea Gaggetta - Puntiamo ad almeno una 30ina di assunzioni a tempo indeterminato. Con una risposta immediata rispondiamo a esigenze altrettanto urgenti. Le parti sociali, nella consapevolezza della gravità del momento, intendono utilizzare tutti gli strumenti utili a rilanciare l'occupazione e l'uscita dal precariato".
"Il carattere innovativo di questa iniziativa - spiega Monica Zambon della Filcams Cgil - sta nel fatto che, oltre ai bisogni immediati quali ad esempio i contributi per i buoni mensa e i testi scolastici dei figli, si cerca di dare un aiuto allo sviluppo delle imprese, ovvero delle professionalità e dell'intelligenza".

"L'intesa stipulata oggi ha una valenza sociale oltre che economica: il contatto quotidiano con i lavoratori e con le loro famiglie ci ha dato modo di capire su quali punti agire per far fronte all'emergenza in atto", conclude Luigino Boscaro dell Uiltucs Uil.

Laura Ferretto - Ufficio Stampa - cell. 342 8584814 - laura.ferretto@aliceposta.it

11/10/2013


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole