Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 22 Ottobre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Pagamenti certi entro 60 giorni

 .
 

Pagamenti certi entro 60 giorni: misura indispensabile da attuare subito

La Pubblica Amministrazione pagherà le forniture di beni e servizi alle imprese private entro 60 giorni: lo prevede un decreto legislativo oramai in dirittura d'arrivo che dovrebbe finalmente rimuovere uno dei macigni più odiosi che bloccano lo stretto sentiero della tenuta dell'economia.
"Se il meccanismo sarà immediatamente operativo, come vorrebbe la situazione economica gravissima - spiega Massimo Zanon, Presidente di Fidimpresa - le imprese riceverebbero una boccata d'ossigeno e consentirebbe loro anche di rivedere la gestione della liquidità, allentando anche la tensione del ricorso al credito per garantire il cash flow quotidiano."
Tuttavia ci vorrà tempo perché si riassorbi l'imponente stock storico di questi debiti, che, secondo le stime più recenti, sarebbero ormai proiettati verso i 100 miliardi di euro.
Il Presidente della Cooperativa Fidi veneziana, recentemente fusasi con Unionfidi di Belluno, dal suo osservatorio privilegiato, sottolinea, in particolare che "Si dovrà tempestivamente attivare il meccanismo di certificazione, garanzia e sconto bancario dei crediti vantati dalle imprese nei confronti delle amministrazioni, strumento che dovrebbe avere una dotazione disponibile di circa 10 miliardi di euro".
Il pagamento in tempi certi e compatibili con il ciclo delle scorte e delle attività gestionali dell'impresa dovrebbe contribuire a preparare quel terreno indispensabile per poter cogliere i primi debilisegnali di ripresa, quando ci saranno, ma soprattutto consentire alle imprese di mantenere gli organici, onorare loro volta i debiti verso i loro fornitori, destinare il credito ricevuto finalmente agli investimenti necessari per garantire competitività e innovazione.
"Sicuramente sarebbe anche un segnale di grande credibilità del Sistema Paese - commenta infine Zanon - che potrebbe compensare, se non del tutto giustificare, i sacrifici dei questi ultimi mesi".

05/11/2012


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole