Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 23 Settembre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Consiglio Generale di Confcommercio

 .
 

Il Consiglio Generale di Confcommercio ha incontrato il segretario del Partito Democratico, Pier Luigi Bersani

Il Segretario del Partito Democratico, Pier Luigi Bersani, è intervenuto al Consiglio Generale di Confcommercio. A fare gli onori di casa è stato il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli. "Con la partecipazione di Bersani - ha detto Sangalli - inauguriamo un ciclo di incontri con le forze politiche che sorreggono l'esperienza dell'Esecutivo guidato dal Presidente Monti".
Secondo il presidente di Confcommercio, occorre "una compiuta agenda italiana per il risanamento, la ricostruzione e la crescita, che delinei, in particolare, una prospettiva realistica di riduzione netta della pressione fiscale complessiva. Dunque, anzitutto per questo non ci ha convinto lo scambio tra più Iva e meno Irpef, proposto con il recentissimo varo del disegno di Legge di Stabilità". "Calcoli alla mano, infatti - ha sottolineato Sangalli - non si tratta, a regime, neppure di uno scambio compensativo: da un lato, la riduzione Irpef di un punto sui primi due scaglioni di reddito; dall'altro, meno detrazioni e deduzioni Irpef, ma, soprattutto, più Iva. Anche dal punto di vista dell'equità, la soluzione, a nostro avviso, non tiene. Perché gli aumenti Iva incidono di più sui redditi più bassi, sicché, anche per la spinta inflazionistica innescata dalle maggiori aliquote Iva, il potere d'acquisto di questi redditi risulterà eroso. Ovviamente, poi, gli aumenti Iva incideranno - integralmente e senza alcuna compensazione - sull'amplissima platea dei soggetti fiscalmente incapienti. Chiediamo che queste scelte siano riviste: che sia, cioè, confermato l'impegno originario del Governo all'integrale archiviazione degli aumenti Iva, programmati a decorrere dal luglio del 2013". "Quanto all'Irpef - ha detto Sangalli - chiediamo poi che si ricorra, il prima possibile, all'attivazione del fondo "taglia-tasse", alimentato dai proventi del recupero di evasione. Altrimenti, a fare la spesa di queste scelte, sarà la domanda interna nel suo complesso: la domanda per investimenti ed i consumi delle famiglie".

Nel suo intervento, il segretario del Partito Democratico, Luigi Bersani, ha sottolineato l'importanza del commercio nella vita economica del Paese. Parlando della situazione economica del Paese, Bersani ha sottolineato che è necessario trovare "la chiave giusta per far girare la ruota della riprese". "In questo senso - ha aggiunto - commercio e distribuzione sono un osservatorio privilegiato per trovare una soluzione alla crisi". Il segretario ha poi parlato della questione Iva: "Non accetto che in tutto questo giro di Iva, Irpef e detrazioni ai ceti popolari si metta un euro in una tasca e si tolgano due dall'altra". "Visto che non ci si è parlati prima è bene che ci si parli dopo" ha aggiunto Bersani in riferimento alla possibilita' di modificare la Legge di Stabilita'. "Bisogna fare una riduzione vera. Do la mia disponibilità - ha detto - a considerare come possiamo fare una cosa che aiuti e non deprima la domanda interna".

17/10/2012


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole