Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 26 Maggio 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

PTRC VENETO

 .
 

VARIANTE AL PTRC VENETO: SALVARE IL SALVABILE, ORA O MAI PIU'

Qualche anno fa, nel 2009, quando Confcommercio ricordava che il PTRC sarebbe stato davvero l'ultimo treno per poter salvare davvero i territorio martoriato dalla cementificazione del Veneto, contenere e curare, per quanto possibile, gli inestetismi della periferia urbana -un elegante, sarcastico eufemismo - rilanciare finalmente il valore aggregante delle città, quelle vere, e dei loro centri storici riportando commercio, servizi ed attività nel loro luogo naturale, Confocmmercio fu tacciata di allarmismo e di esagerazione.
Evidentemente i timori erano fondati: la variante parziale al PTRC dimostra che il Piano Territoriale Regionale di Coordinamento era un buon programma, ma bisognava avere più coraggio.
La presentazione in questi giorni della variante parziale offre un primo momento di analisi e di riflessione: "Bisognerà vedere - ricorda Massimo Zanon Presidente di Confcommercio Unione Venezia - se davvero c'è l'intento di preservare il paesaggio Veneto, di recepire ed applicare obblighi ed orientamenti della disciplina comunitaria ed internazionale, che l'Italia ha del resto già recepito con proprie leggi, o limitarsi ad un'operazione di facciata".
Insomma, Confcommercio non firmerà cambiali in bianco su una partita tanto delicata come l'urbanistica: "Abbiamo già avuto modo a suo tempo di presentare un articolato elenco di osservazioni al PTRC- spiega Francesco Antonich, vicedirettore e responsabile per le politiche territoriali di Confcommercio Unione Venezia - e dopo un esame attento alla variante parziale, faremo la nostra valutazione". E aggiunge: "Una cosa è certa: il periodo di transizione anche istituzionale, basti pensare all'incognita delle competenze e delle conseguenti politiche della costituenda città metropolitana, consiglierebbero forse di non ipotecare troppo il futuro del nostro territorio, ma di concentrarci sul recupero, sul'evitare il degrado di centri cittadini e periferie: il rischio è quello di programmare, di progettare ma con un suolo e un paesaggio definitivamente compromessi".

23/07/2012


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole