Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 23 Ottobre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Cassiere ... integrate

 .
 

Cassiere ... integrate: anche la GDO taglia gli addetti

"Sono persone, non numeri e non è detto che grande distribuzione significhi automaticamente grandi numeri di occupazione, di sicuro però, quando e se si tratta di tagliare significa grandi numeri di cassintegrati". Il tono è quasi sarcastico ma il sentimento e di grande preoccupazione per Massimo Zanon, presidente di Confcommercio Unione Venezia che proprio nella sua Portogruaro assiste ad uno degli effetti che da tempo Confcommercio Imprese per l'Italia aveva previsto, condividendo questa semplice previsione con i sindacati: la grande distribuzione deve lasciare cassiere e impiegati. "Così dopo aver impoverito le città, dichiarato che la grande distribuzione garantiva l'occupazione, - continua Zanon - adesso ci si rende conto che la crisi c'è ed è per tutti. Solo che dopo aver penalizzato il commercio al dettaglio, con serrande chiuse e famiglie senza più un occupazione, adesso pagano anche i giovani e forse anche qualche dipendente che magari avrebbe potuto sperare di arrivare al traguardo della pensione".
Il fatto è che la crisi, una crisi che colpisce consumi, ha ridotto drasticamente la domanda, vede anche i colossi della grande distribuzione farsi una guerra spietata tra loro, per l'eccessiva dimensione e per la vicinanza. "Giustamente la cassa integrazione è stata a suo tempo estesa anche al terziario e al commercio - continua Zanon - ma attenzione, sono pochissime le imprese al di sotto dei dieci dipendenti che ne hanno usufruito: queste sono state costrette a tagliare ben prima. Adesso a beneficiarne sono solo le medie e le grandi superfici di vendita. Un supporto indispensabile per i dipendenti, per le famiglie, ma che arriva per aiutare chi si è sempre vantato di garantire occupazione e sviluppo".
La realtà è che la crisi dopo aver fatto cambiare radicalmente gli stili di vita agli italiani, dovrà far ripensare anche le politiche della programmazione commerciale. " Ma adesso che i consumatori un po' per costrizione, un po' per virtù ritrovata, - conclude Zanon - hanno imparato a fare la spesa misurata, solo ciò che serve, senza sprechi e magari risparmiando anche sulla benzina e restando dentro le mura cittadine, trovano che chi poteva soddisfarli, il caro negoziante di fiducia sotto casa, magari non c'è più.... E forse qualche riflessione amara per gli affrettati entusiasmi sul "grande è bello" e conveniente dovrebbero farlo anche le associazioni di consumatori ..."

13/06/2012


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole