Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 23 Aprile 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Fede, Speranza e carita'

 .
 

Fede, Speranza e carità

L'Istat conferma: ad aprile le vendite al dettaglio sono crollate del -6,8%, con l'impressionante flessione registrata nel settore più caro agli italiani: gli alimentari, -6,1%.
Solo in un mese, cioè tra marzo e aprile 2012, il calo è stato del -1,6%. "Un dato che colpisce in generale e soprattutto se consideriamo che ad aprile vi sono state numerose occasioni per festeggiare in famiglia: Pasqua, Pasquetta, il 25 aprile - spiega Pierpaolo Dall'Agnola che in Confcommercio Unione Venezia segue, tra le diverse categorie anche gli alimentaristi - "siamo di fronte al dato peggiore degli ultimi 11 anni".
Si stanno intanto consolidando le pratiche, che da qualche mese erano ricomparse, "Sempre più diffuso il ricorso al libretto segna spesa" - prosegue Dall'Agnola - e quindi la richiesta di microcrediti, soprattutto da parte di anziani o di famiglie con figli che non riescono ad arrivare a fine mese".
La realtà è sicuramente più amara del'asettica statistica: sempre nel mese in corso "L'indice del clima di fiducia dei consumatori è diminuito dall'86,5 di maggio all' 85,3 di giugno - sottolinea sempre per l'Unione la referente del Centro studi, Noemi Simonini - anche a seguito del deteriorarsi del già risicato potere reale d'acquisto degli italiani che devono far fronte ad un tasso di inflazione che, in un anno, è balzato al +3,2%".
"Una crisi forte che ha depresso la domanda e la fiducia almeno nell'immediato futuro - sintetizza il Direttore di Confcommercio Unione Venezia, Danilo De Nardi, e francamente il rischio è quello che se si intravede una luce in fondo al tunnel... sia quella del treno che viene in senso contrario: la rata a saldo dell'IMU, l'ulteriore incremento, sino al 12% e al 23% dell'IVA, la stretta del credito per le aziende in difficoltà".
Vien da credere se con le liberalizzazioni che hanno interessato sempre i soliti noti in nome della fede magnifica e progressiva della concorrenza, alle micro imprese non rimanga che la speranza di superare con le proprie forze e sacrifici questo momento.
Del resto, Frau Germania lo ha già detto: fare la Carità per chi è in difficoltà, cari europei, è un lusso da ricchi...

27/06/2012


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole