Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 25 Aprile 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

IMU

 .
 

IMU

Una tassa che grava su un bene essenziale

Il Governo Monti, nel dichiarare lo stato d'emergenza per le aree colpite dal terremoto che ha colpito l'Emilia ma anche molte provincie limitrofe di Lombardia e Veneto, tra le misure urgenti ha compiuto un atto dovuto: sospensione del pagamento dell'IMU per le abitazioni e per gli edifici aziendali colpiti.
Il terremoto, se ce ne fosse stato bisogno, ha dimostrato che l'IMU, almeno per quanto riguarda l'abitazione principale e le unità locali delle micro - per lo più familiari -, delle piccole e delle medie aziende, siano esse commerciali, artigianali, di servizi o manifatturiere non grava su una ricchezza ma su un bene essenziale e insostituibile che prima di produrre reddito, produce sicurezza e solidarietà - per le persone fisiche - spazi per continuare a produrre e cercare di creare la vera fonte di reddito in grado di contribuire al risanamento del Paese.
"La prima casa, i laboratori artigianali, i piccoli negozi di vicinato, i pubblici esercizi, per non parlare degli alberghi di minori dimensioni - spiega Francesco Antonich, Vicedirettore di Confcommercio Unione Venezia - dopo essere costati sacrifici ed aver rappresentato un investimento sui valori fondamentali che hanno fatto grande il nostro Paese, la famiglia, il lavoro, i settori strategici come il turismo, l'unico settore per altro ancora a reggere, la sicurezza nelle città e il servizio sociale di prossimità, vengono adesso spremuti come ultima risorsa, dimenticando che, laddove non colpirà il terremoto, il colpo di grazia lo darà l'imposta".
Le simulazioni sull'applicazione delle nuove aliquote stanno già facendo tremare i polsi a tutti gli operatori economici, tenuto conto che tutti i costi si abbatteranno inesorabilmente, se l'impresa sopravvive, sul consumatore che, dopo aver pagato a sua volta l'IMU, ne pagherà le indirette conseguenze nei consumi di tutti i giorni.
Come dire che dopo il terremoto, tra le macerie, si abbatte pure la pioggia.

23/05/2012


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole