Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 21 Agosto 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

terziario attento alla sicurezza

 .
 

Confcommercio: terziario attento alla sicurezza, ma il costo della messa

a norma non lascia più risorse per investire ed essere competitivi
L'occasione è stata l'audizione presso la Commissione Parlamentare sugli Infortuni sul Lavoro, letteralmente in trasferta, ieri, a Venezia, presso la Prefettura, dove istituzioni come magistratura, forze dell'ordine e categorie economiche hanno fatto il punto della situazione sullo stato dell'arte dell'applicazione della normativa sulla sicurezza negli ambienti di lavoro.
"Il terziario forse ha meno criticità pesanti rispetto all'artigianato e all'industria" - ha detto Francesco Antonich, Vicedirettore di Confcommercio Unione Venezia ascoltato dai Senatori, tra i quali, Oreste Tofani (Pdl) e Paolo Nerozzi (Pd), in veste di portavoce della rappresentanza regionale di commercio, turismo e servizi - "ma non per questo è maggiormente impegnato per far sì che l'impresa garantisca un ambiente sicuro e un clima aziendale adeguato per i propri dipendenti". Confcommercio ha inoltre sottolineato come la preparazione obbligatorio in questa delicata materia che coinvolge datori di lavoro e dipendenti si stia rivelando un'indispensabile momento per trasmettere non solo obblighi di legge ma anche e soprattutto cultura della sicurezza. "Basti pensare al grande lavoro che si sta facendo proprio tra i numerosi lavoratori immigrati, la componente crescente degli addetti anche nel terziario e soprattutto nel turismo - ha sottolineato il portavoce di Confcommercio Veneto Antonich, - che grazie alla formazione obbligatoria e all'assistenza delle associazioni di categoria, per il tramite delle loro società di servizi specializzate, finalmente iniziano un percorso di integrazione che inizia proprio dall'apprendimento della cultura della legalità e della sicurezza".
Confcommercio ha tuttavia rilevato ai Senatori della Commissione parlamentare che la priorità per adeguare impianti e strutture aziendali, soprattutto per le imprese di modeste dimensioni e per lo più familiari, costringe a sopportare costi che incidono in modo non sostenibile in questa fase di crisi, compromettendo definitivamente quegli investimenti che sarebbero invece necessari per rilanciar la competitività dell'impresa. "Soprattutto le piccole unità commerciali e gli alberghi a conduzione familiare - ha riferito con preoccupazione Antonich - hanno letteralmente finito le risorse e non potranno investire per alcuni anni".
Alla Commissione parlamentar è stato quindi fatto un pressante appello perché le semplificazioni negli adempimenti diminuiscano ulteriormente il carico burocratico per le aziende e si preveda una serie di misure di accompagnamento che consentano di far fronte ai costi gravosi dell'adeguamento e della formazione. "Il rischio - ha concluso Antonich appellandosi ai Commissari parlamentari - è quello di avere delle imprese più sicure dal punto di vista degli infortuni, ma più precarie dal punto di vista del lavoro".

16/05/2012


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole