Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 26 Maggio 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

IMPORTANTI NOVITA' PER LE EDICOLE

 .
 

IN ARRIVO IMPORTANTI NOVITA' PER LE EDICOLE NEI RAPPORTI CON I DISTRIBUTORI DI GIORNALI

L'art.39 del D.L 24 gennaio 2012 n.1 - convertito dalla Legge 24 marzo 2012, n.27 - ha determinato un cambiamento significativo delle regole del rapporto distributivo, riconoscendo agli edicolanti una serie di importanti diritti e facoltà.

Le grandi novità introdotte dall'art.39 sono:

1) gli edicolanti possono rendere, in compensazione, i prodotti ricevuti in conto vendita, al fine di ridurre le anticipazioni finanziarie; sono quindi finalmente autorizzate le rese anticipate, che consentono ai giornalai di ridurre gli estratti conto, ottimizzando le forniture e massimizzando le vendite.

2) gli edicolanti possono contestare al distributore locale sia le carenze, sia gli eccessi di fornitura rispetto alla domanda di mercato, chiedendo che la fornitura venga adeguata alle reali esigenze diffusionali del punto vendita, mediante fornitura dei prodotti in difetto e richiamo anticipato dei prodotti in eccesso.

3) se il distributore locale non darà seguito entro 5 giorni alle richieste di adeguamento fornitura dell'edicolante, la pratica commerciale del distributore dovrà intendersi scorretta; se questi poi sospenderà la fornitura al punto vendita, sussistono gli estremi per ricorrere al competente tribunale per ottenere la riattivazione delle forniture ed il risarcimento dei danni subiti.

4) tutti gli accordi stipulati o imposti dai distributori locali in deroga alle facoltà sopradescritte sono automaticamente nulli e non devono essere applicati.


Queste importanti novità - afferma Pierangelo Rossetto, referente degli Edicolanti Snag della provincia di Venezia - da un lato sono certamente positive perché ridimensionano il grande potere che i distributori hanno sempre avuto nei confronti degli edicolanti, ma dall'altro lato preoccupano perché la loro applicazione pratica - se non adeguatamente testata e "digerita" dalle parti - potrebbe causare un'infinità di controversie legali tra fornitori e clienti della stessa filiera.

Rossetto invita quindi gli associati a non stipulare per ora nuovi accordi con la distribuzione locale, in quanto i rapporti di forza in loco sono spesso tali che i giornalai potrebbero in questi giorni essere indotti ad accettare condizioni peggiorative rispetto a quanto loro garantito dall'art.39.

E' auspicabile quindi - conclude il rappresentante dei giornalai Confcommercio - che questo provvedimento venga al più presto inquadrato in una revisione più generale ed organica dell'Accordo Nazionale tra Editori, Distributori ed Edicolanti.

19/04/2012


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole