Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 27 Giugno 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Discoteche, a Nordest non suonano piu'

 .
 

Il Presidente di Confcommercio-SILB Provinciale di Venezia Giancarlo Vianello commenta l'articolo del Gazzettino del 28 gennaio "Discoteche, a Nordest non suonano più".

<< Ho letto con attenzione e preoccupazione l'articolo apparso nel Gazzettino del 28 gennaio in merito alla crisi delle discoteche.

In Veneto negli ultimi 4 anni hanno chiuso le serrande 150 locali da ballo su 600 totali. E' certamente triste assistere alla graduale scomparsa di tanti locali, alcuni anche storici, ma è indubbio che le chiusure sono sintomo di una tendenza a livello nazionale e non solo del nord-est, espressione di un cambio generazionale.

Il divertimento ha assunto tra i giovani e meno giovani nuove connotazioni, l'offerta si è differenziata e si sono aperti scenari nuovi. Una volta le discoteche erano il punto di ritrovo fisso dopo cena, ora i luoghi di aggregazione sono innanzitutto virtuali, sono facebook, twitter, what's up, e molti altri, dai quali si scelgono eventualmente al momento i luoghi di ritrovo reale.

Certo, vedo che tra i miei colleghi della costa veneziana (e, in alcuni casi, anche dell'entroterra) chi ha ben seminato, rimanendo al passo con i tempi, investendo in ricerca e innovazione (studiando le forme di divertimento dei giovani nelle capitali europee e d'oltreoceano e adattandole a casa propria) ha finito con il vedere premiato il proprio lavoro e la propria fatica; altri sono stati purtroppo travolti dalla logica del mercato e dalla velocità con cui l'offerta si adegua alla nuova domanda sempre mutevole.

E' pur vero però che alcune nuove tipologie di divertimento - penso all'animazione fatta da certe sagre o circoli privati - che pur spostano flussi notevoli di persone, godono di normative "proprie" in contrasto con quelle dei locali notturni classici e finiscono irrimediabilmente coll'arrecare danni pesanti (si tratta di vera e propria concorrenza sleale e abusivismo) a chi segue correttamente la normale regolamentazione ed è soggetto a ben altri gravami fiscali, igienico-sanitari e di sicurezza.

Sono certo però che i locali che avranno saputo innovarsi - anche rafforzando la collaborazione con le forze dell'ordine per prevenire l'abuso di alcolici e promuovere la cultura del divertimento in sicurezza - sapranno vincere la sfida di questa stagione e delle prossime a venire. Ben venga quindi un sano e consapevole divertimento!>>

01/02/2014


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole