Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 25 Settembre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Molto rumore per nulla

 .
 

Molto rumore per nulla

Non poteva che finire così: ancora una volta i commercianti fungono da paracolpi per gli errori del Governo, venendo additati come evasori incalliti e colpevoli della crisi economica che sta fagocitando tutto.
Come dire: per colpa di quei furbetti che non emettono lo scontrino ed evadono il fisco siamo tutti più vessati... Quindi giù con controlli al limite del dirigismo, con statistiche improvvisate e tendenziose che nulla hanno di scientifico, con etichettature demagogiche che tacciano di ladri lavoratori che oltre al danno, subiscono pure la beffa.
Prima di sparare sentenze, qualcuno si è preso la briga di documentarsi? Consegnare lo scontrino al consumatore è un obbligo, certo, ma la mancata emissione dello scontrino non costituisce affatto un indice di evasione fiscale, perché lo strumento che il Fisco utilizza per rilevare i parametri fondamentali di liberi professionisti, lavoratori autonomi ed imprese è costituito unicamente dagli studi di settore.
Ho sentito additare le categorie che rappresento nei modi più sprezzanti, ed il tutto semplicemente sulla base di una mancata conoscenza, o, peggio, di una maldestra, arrogante, interpretazione delle norme.
Il che naturalmente non esclude, si intende, che qualche disonesto possa esserci, come del resto vi è in ogni settore. Ma questo può accadere solo in quei casi sporadici di attività non soggette agli studi di settore o nell'ipotesi di mancato adeguamento: parliamo di una netta minoranza di illeciti, in ogni caso da accertare prima di condannare. E se è così, se davvero qualcuno non è nel giusto, che venga controllato, indagato e pure incriminato: ma basta, per favore, di additare una categoria di cittadini e lavoratori come unica responsabile del tracollo economico di un Paese.
Mentre Unicredit, a quanto dice l'Agenzia delle Entrate, avrebbe evaso da sola 245 milioni di imposte...
Falsi problemi, vere bugie tutte italiane.

Massimo Zanon
Presidente Confcommercio Unione Venezia

15/12/2011


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole