Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 26 Maggio 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

FIPE

 .
 

FIPE

ENTRO IL 31 OTTOBRE INTEGRARE IL VERSAMENTO PER L'ISCRIZIONE ALL'ELENCO OPERATORI GIOCHI

La Fipe segnala che il 6 ottobre u.s. è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il Decreto Direttoriale AAMS del 9.09.2011, che ha modificato la disciplina per l'iscrizione all'albo degli operatori del gioco.

In particolare, l'aumento del versamento dell'iscrizione da 100 a 150 euro è stato oggetto di diverse interpretazioni.

La Federazione Pubblici Esercizi di Confcommercio ha tempestivamente contattato l'AAMS, sia per avere dei chiarimenti in merito all'estensione di tale aumento anche a coloro che avevano versato la quota di 100 euro entro il 30 giugno 2011 (e per ottenere una deroga in loro favore), sia per sollecitare l'utilizzo delle moderne tecnologie (PEC innanzitutto) per semplificare le procedure d'iscrizione e sbrurocratizzare tale procedimento, con meno costi e più risultati.

L'Amministrazione, a seguito di uno specifico incontro tra la direzioni generali, ha manifestato la disponibilità ad accogliere le osservazioni Fipe per tempo (prima della scadenza del termine per ricorrere al T.A.R.) nel senso di riesaminare la possibilità di ritenere valida l'iscrizione di coloro che hanno pagato 100 euro entro il 30 giugno u.s. senza alcuna integrazione, fermo restando che per i successivi rinnovi si dovranno versare 150 euro, e di consentire l'utilizzo della posta elettronica certificata (PEC) per l'invio delle domande di iscrizione.

In ogni caso, atteso che le tempistiche del confronto con l'AAMS non sono definite, si invitano tutti coloro che hanno effettuato il versamento di 100 euro ad integrare quest'ultimo con i 50 euro previsti dalla nuova normativa entro il 31 ottobre p.v., poiché la mancata integrazione comporta l'invalidità dell'iscrizione con tutte le conseguenze negative previste dal decreto in oggetto, prima fra tutte l'interruzione del collegamento telematico degli apparecchi, salvo ovviamente il diritto di rivalsa sulle somme che dovessero risultare indebitamente versate.

21/10/2011


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole