Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 18 Ottobre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Stagione 2011

 .
 

Stagione 2011

Positive le prime proiezioni

Per gli italiani le vacanze rimangono sacre e almeno qualche giorno si deve trascorrere rigorosamente fuori casa: così anche per quest'anno, grazie anche all'avvio molto positivo della stagione, al giro di boa dell'estate si può stimare che tra coloro che le vacanze le hanno già consumate e coloro che le consumeranno nel bimestre agosto - settembre, poco più di 33 milioni di persone andranno in vacanza.
Il dato è stato elaborato dal centro studi di Federalberghi, che evidenzia comunque che gli indecisi sono solo il 3,1% (2,4% nel 2010) e che rimarrà a casa il 41,9% della popolazione, dato che conferma la ripresa delle ferie fuori porta dopo alcuni anni di sacrifici.
Le mete più frequentate saranno le località marine (70,4% ma nel 2010 e scelsero il 74,6%). Seguono in classifica la montagna con il 15,7% delle preferenze (17,4% nel 2010) e le località d'arte con il 3,6% (1,9% nel 2010).
Non si vi saranno sostanziali variazioni per località lacuali (1,6%), mentre stanno recuperando le località termali e del wellness (3,1%).
Per chi sceglie invece di andare oltre frontiera, e destinazioni principali rimangono le città e le località europee ( 51,9%), mentre mari tropicali e le località esotiche conosceranno appaiono molto meno appetibili tanto che se nel 2010 sono state scelte dal 22% dei vacanzieri off shore, quest'anno solo il 13,4% ha organizzato un viaggio nei caldi mari del Sud.
La spesa media stimata per la vacanza estiva (comprensiva di viaggio, vitto, alloggio e divertimenti) sarà di 776 euro (853 nel 2010), pari al 9% in meno rispetto all'estate scorsa.
Sempre secondo le stime di Federalberghi, gli italiani quest'anno saranno molto più attenti al portafoglio, e potrebbero contrarre la spesa pro capite dai 764 euro (media) del 2010, ai 689, spendendo circa il 10% in meno,
Chi va all'estero spende un po' di più, ma la spesa dovrebbe attestarsi intorno ai 1.060 euro pro capite, nella media e in linea con la spesa dello scorso anno.
A scegliere l'albergo sarà il 32,8% dei turisti mentre nel 2010 furono il 34,6%.
A seguire: casa di parenti o amici 13,6%, appartamento in affitto 11,5%; casa di proprietà 10,4%.
In crescita la formula del vilaggio tristico: 9% ('8,1% nel 2010), mentre cala il campeggio con il 5,6% (7% nel 2010). In crescita invece i residence con il 5,5% (3,6% nel 2010),i bed&breakfast con il 4,2% (2,1% nel 2010), la crociera con l'1,5% (1,3% del 2010). Infine, in flessione l'agriturismo 0,9% (1,3% nel 2010). I Si assiste invece ad una redistribuzione per quanto concerne i periodi della vacanza: quest'anno la crisi economica fa preferire giugno e settembre, meno affollati luglio e agosto, che pure rimane il mese dove si concentra comunque ancora il 52,7% della domanda (ma nel 2010 il dato era del 57,4%).
Tra le regioni italiane, il primato dovrebbe essere conseguito dalla Sicilia con il 13% della domanda nazionale Il Veneto si collocherà, sempre secondo le stime di mezza estate, al quinto posto: sarà preferito dal 7,2% degli italiani in ferie.

01/08/2011


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole