Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 21 Agosto 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Al via ai saldi

 .
 

Al via ai saldi

Tra timida fiducia e portafoglio sotto controllo

Non è ancora iniziata la vera estate per i consumi, anche se qualche i servizi sembrano almeno aver aggiunto... una tiepida primavera. L'Istat, che misura con il termometro della fiducia la propensione degli italiani a lasciarsi andare agli acquisti, infatti, segnale un miglioramento per i servizi, risalito dal 96,8 di maggio al 101,1 di giugno, mentre registra una flessione per quanto riguarda il commercio propriamente inteso: da 101,4 a 99,2. In realtà le vendite vengono giudicate per lo più stabili, ma permane incertezza sull'immediato breve termine, e si stimano in aumento le scorte di magazzino
I giudizi sulle vendite sono stabili, ma peggiorano le attese a breve termine; in ulteriore aumento sono
E' in questo clima ancora freddo per i consumi che si apriranno (il 2 luglio anche in Veneto) i saldi estivi
Si ritiene che ogni famiglia spenderà in media per l'acquisto di articoli di abbigliamento e calzature in saldo, 274 euro per un valore complessivo di circa 4,1 miliardi di euro. Questo potrebbe significare che i saldi estivi rappresenterebbero, da soli, circa il 12% del fatturato totale annuo del settore abbigliamento e calzature).
Ma una novità nel rito dei saldi, quest'anno c'è e sarà il fatto che con una data unificata per tutte le regioni al 2 luglio, sarà davvero un fenomeno collettivo e nazionale e non dovrebbero esserci le migrazioni oltre frontiera tra regioni confinanti ma che avevano date differite, spesso scostate davvero solo di 24 o 48 ore.
Una conquista di Federazione Moda Italia che ha ottenuto dalla Conferenza delle Regioni un indirizzo unitario per rendere appunto omogenea su tutto il territorio nazionale la data di inizio.
Una previsione positiva sull'andamento delle vendite di fine stagione la dà il Presidente di Federazione Moda Italia -Confcommercio Renato Borghi: "Non ci attendiamo una stagione di saldi particolarmente effervescente, ma ci aspettiamo una sostanziale tenuta rispetto ai ricavi dello scorso anno. Le stime pessimistiche diffuse in questi giorni dai soliti profeti di sventura ci paiono francamente inattendibili".
Confcommercio Imprese per l'Italia rinnova il proprio impegno nel garantire il consumatore, anche attraverso le varie iniziative attivate già negli anni precedenti sull''intero territorio nazionale da Federmoditalia, come "Saldi Chiari", "Saldi Trasparenti", "Saldi Tranquilli" e ricorda il vademecum con i principi base che regolano le vendite di fine stagione:
1. Cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (art. 1519 ter cod. civile introdotto da D.L.vo n. 24/2002). In questo caso scatta l'obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.
2. Prova dei capi: non c'è obbligo. E' rimesso alla discrezionalità del negoziante.
3. Pagamenti: le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante qualora sia esposto nel punto vendita l'adesivo che attesta la relativa convenzione.
4. Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Tuttavia nulla vieta di porre in vendita anche capi appartenenti non alla stagione in corso.
5. Indicazione del prezzo: obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.

29/06/2011


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole