Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 18 Novembre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

SISTRI

 .
 

SISTRI con un decreto ecco la proroga!

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 30 maggio 2011 è entrato in vigore, il giorno stesso l'atteso decreto del Ministero dell'Ambiente 26 maggio 2011 "Proroga del termine di cui all'articolo 12, comma 2, del decreto 17 dicembre 2009, recante l'istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti". E' stata data così veste giuridica all'intesa raggiunta il 26 maggio scorso con le associazioni di categoria tra le quali Rete Imprese Italia.
Come previsto dunque la piena operatività sarà raggiunta per fasi successive consentendo di collaudare al meglio il sistema, censirne e risolverne le criticità e consentire alle aziende di adeguarsi alle nuove procedure elettroniche.
A beneficiarne saranno anzitutto le imprese di minore dimensione: per loro, come evidenziato nel calendario delle fasi sotto riportato, c'è tempo sino a fine 2011.
Sono inoltre state previste procedure di salvaguardia in caso di rallentamenti del sistema ed una attenuazione delle sanzioni nella prima fase dell'operatività del sistema.
Questa è la scansione delle fasi definita dal Ministero confermata con il citato DM, che vede in pole position le grandi imprese e quindi, a seguire, le medie e infine le microimprese e quindi la maggioranza degli associati a Confcommercio Imprese per l'Italia:

- il 1° settembre 2011 per produttori di rifiuti che abbiano più di 500 dipendenti, per gli impianti di smaltimento, incenerimento, etc. (circa 5.000) e per i trasportatori che sono autorizzati per trasporti annui superiori alle 3.000 tonnellate (circa 10.000);

- il 1° ottobre 2011 produttori di rifiuti che abbiano da 250 a 500 dipendenti e "Comuni, Enti ed Imprese che gestiscono i rifiuti urbani della Regione Campania";

- il 1° novembre 2011 per produttori di rifiuti che abbiano da 50 a 249 dipendenti;

- il 1° dicembre 2011 per produttori di rifiuti che abbiano da 10 a 49 dipendenti e i trasportatori che sono autorizzati per trasporti annui fino a 3.000 tonnellate (circa 10.000);

- il 1° gennaio 2012 per produttori di rifiuti pericolosi che abbiano fino a 10 dipendenti.

Per quanto concerne il sistema sanzionatorio, il Ministero, d'intesa con le rappresentanze economiche dovrebbe procedere come segue.
Ci sarà un apposito decreto legislativo, indispensabile per recepire la normativa di riferimento dell'Unione ma, in particolare proprio per quanto concerne l'operatività del SISTRI il D. Lgs dovrebbe contenere specifiche disposizioni che prevedono sanzioni più lievi e graduali rispetto a quelle attualmente contenute nel Decreto Legislativo n. 205 del 2010 da applicarsi per il periodo di "rodaggio" del sistema cioè per tutto il primo semestre della sua operatività.
Inoltre, vi sarà un apposito Decreto Ministeriale con il quale verranno definite: soluzioni tecniche per i rallentamenti del sistema superiori a 3 minuti, una procedura alternativa nel caso in cui il SISTRI non individui il malfunzionamento che invece viene individuato dall'operatore, una procedura semplificata per i trasportatori che applicano il SISTRI ed acquisiscono i dati da produttori che ancora non applicano il sistema.

Dal 1. giugno al 31 agosto, infine, il Ministero ha assicurato un'intensa attività di collaudo, simulazione e verifica con conseguente messa a punto del sistema. Previsti anche Tra gli interventi possibili gli opportuni adeguamenti tecnici e semplificazioni operative (come ad esempio la sostituzione del sistema a chiavette con altro più semplice ed affidabile).


Raccomandiamo vivamente le imprese associate della provincia di Venezia, di contattare Ter Ambiente, braccio operativo di Confcommercio Unione Venezia, per ricevere informazioni ed assistenza mirata per non trovarsi "scoperti" ma in regola con la documentazione e le procedure al momento di partire ed evirare inadempimenti e contravvenzioni alle disposizioni di legge.

C'è stato, inoltre, un impegno di cui Governo e Ministero dell'Ambiente si sono fatti partecipi e garanti, di far effettuare nel corso dei 3 mesi antecedenti al 1° settembre p.v. (prima scadenza operativa), apposite ed opportune verifiche sul funzionamento del sistema SISTRI nel suo complesso.

07/06/2011


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole