Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 19 Novembre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

ISTAT

 .
 

ISTAT

Famiglie italiane ancora poco ottimiste

Ancora uno scenario senza brillanti prospettive per la famiglia media italiana. E' 1uanto emerge dal più recente Rapporto annuale sulla situazione del Paese nel 201' diffuso dall'Istat.
Il Pil in Italia è ancora inferiore di 5,1 punti percentuali rispetto al primo trimestre 2008, laddove in altri Paesi, come la Germania, il recupero si sta già consolidando.
L'Italia, in Europa, ha visto crescere stentatamente la propria Economia, rispetto agli altri partner dell'Ue nel decennio 2001-2010: tasso medio annuo del +0,2% contro il +1,1% dell'Unione economica monetaria (l'Euro Club, per intenderci).
Perplessità persistono su una reale prospettiva di ripresa dell'occupazione, tanto che nel 2010 ben 2 milioni di persone hanno addirittura deciso di non andare nemmeno in cerca di lavoro, ai quali vanno aggiunti i circa 2 milioni di disoccupati ufficiali.
E' scesa l'occupazione qualificata, tecnica e operaia (-170 mila unità) ed é aumentata soprattutto quella non qualificata (+108 mila unità).
L'Istat rileva anche un dato allarmante sul fronte del rapporto delle donne con il lavoro: nel 2008-2009, infatti, circa 800 mila madri hanno dichiarato che nel corso della loro vita lavorativa sono state licenziate o messe in condizioni di doversi dimettere in occasione o a seguito di una gravidanza.
Le famiglie nel 2010, hanno visto crescere il loro reddito disponibile (+1,0%), la reale capacità d'acquisto si è spolpata di un ulteriore mezzo punto percentuale, causa la dinamica inflativa.
Premesse che ben spiegano l'alta viscosità della ripresina che anunciata pure in Italiarimane ancora vitima di una cautela più che comprensibile.

23/05/2011


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole