Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 23 Maggio 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Federalismo fiscale

 .
 

Federalismo fiscale

Avanti adagio

Non facile e tutta in salita la realizzazione concreta del federalismo fiscale: così dopo il decreto legislativo sul federalismo comunale, la legge 5 maggio 2009, n. 42, detta legge delega, che ha demandato al Governo il varo dei singoli atti normativi, vedrà notevolmente allungarsi i tempi di attuazione.
Infatti lo scorso aprile il Parlamento ha avviato l'esame per modificare la tempistica della stessa L.. 42/2009 per posticipare le scadenze entro le quali, appunto, il Governo dovrà varare i provvedimenti attuativi delegati.
Almeno sei mesi di proroga dunque per l'esercizio della delega, in scadenza il 21 maggio 2011 e, contestualmente, viene procrastinato di due anni il termine per l'esercizio della delega all'adozione di disposizioni integrative e correttive, da due a tre anni.
Tempi più lunghi (da sessanta a novanta) anche per le competenti Commissioni per l'espressione dei pareri sugli schemi di decreti attuativi.
L'intervento, dunque, è reso necessario alla luce del quadro normativo di riferimento e delle problematiche ad oggi emerse nell'andamento dei lavori parlamentari in corso o portati a termine.
Il procedimento delineato dalla legge 5 maggio 2009, n. 42, è, infatti, molto articolato, richiedendo il concorso di un numero elevato di soggetti e l'approfondimento delle complesse questioni dell'autonomia finanziaria dei livelli di governo coinvolti. Basti pensare alle intese da sancire, di volta in volta, sugli schemi di decreto in sede di Conferenza unificata ed ai necessari pareri da parte della Commissione parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale nonché quelli richiesti alle Commissioni parlamentari competenti per le conseguenze di carattere finanziario. L'articolata procedura fissata dalla legge delega, al fine di garantire il dovuto approfondimento di una materia così complessa, ha pertanto prodotto l'opportuna iniziativa volta ad incrementare il tempo a disposizione dei soggetti istituzionali coinvolti.

10/05/2011


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole