Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 23 Giugno 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

SBA

 .
 

SBA

Un "santino" per la Piccola impresa?... perché non lo mettiamo davvero a regime?

L'acronimo originario è SBA e non è, come potrebbe sembrare a prima vista, un master di qualche blasonata università, ma bensì l'acronimo inglese di un importantissimo documento a tutela e a supporto della piccola e della micro impresa, a partire proprio da quelle per noi fondamentali che sono le imprese familiari.
Lo Small Business Act, (Documento per la Piccola Impresa) è un documento programmatico dell'Unione europea che serve ai 27 Stati membri come decalogo per attivare politiche necessarie a far si che il patrimonio delle imprese di piccola e piccolissima dimensione,tra le quali anche quelle del commercio al dettaglio, della ristorazione e del turismo e più in generale della galassia che rappresenta il terziario, possano dotarsi degli strumenti necessari per non essere scalzate fuori dal mercato, dalla concorrenza e dal debordante gioco sul mercato delle grandi imprese, sempre pronte a schernirsi dietro il principio della "libertà di concorrenza".
Il 28 febbraio il Ministro dello Sviluppo economico, On. Romani, ha nominato Giuseppe Tripoli a capo dello staff del Ministero che appunto dovrebbe curare l'attuazione dello SMA in Italia e ancor più la sua revisione.
Va detto che dalla sua prima stesura, il SBA ha già esercitato alcuni importanti effetti, anche se, proprio dal punto di vista delle novità in campo amministrativo,spesso si è trattato di misure contraddittorie.
Si è reso quindi necessario un aggiornamento che se andrà ad effetto sino in fondo potrebbe, nei fatti, rimettere letteralmente in gioco le micro e le piccole imprese, sullo scacchiere della competitività in Italia.
Tra gli interventi migliorativi proposti infatti vi sono i seguenti punti che di seguito vengono così sintetizzati:
Accesso più facile al credito per investire e crescere;
Accesso alle garanzie di prestito per le PMI grazie a un sistema di garanzia rafforzato;
Piano d'azione per migliorare l'accesso delle PMI al credito, compreso l'accesso ai mercati dei capitali di rischio, nonché misure dirette a informare gli investitori delle opportunità offerte dalle PMI;
Regolamentazione intelligente per consentire alle PMI di concentrarsi sulle loro attività principali;
Creazione di "punti di contatto unico" negli Stati membri per facilitare le procedure amministrative;
Sfruttare tutte le possibilità offerte dal mercato unico
Proposta di una base imponibile consolidata comune per le società;
Revisione del sistema delle norme europee per renderle più favorevoli alle PMI e più facilmente accessibili;
Assistenza alle PMI per l'applicazione delle regole dell'etichettatura d'origine;
Proposte miranti a sostenere le PMI sui mercati esterni all'UE;
Nel File allegato in formato .pdf si riporta il Rapporto 2010 sull'applicazione avvenuta dello SMA: interessante scorrere proprio le numerose norme italiane introdotte nel recente biennio passato...

mimetype Rapportosba2010DEF.pdf

07/03/2011


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole