Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 25 Aprile 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Punto, due punti, punto e virgola

 .
 

Punto, due punti, punto e virgola:

ma sì, fai vedere che... abbondiamo!

Così un arcigno Totò dettava, ad un diligente Peppino De Filippo la notissima lettera a "la mala femmena" che aveva traviato l'adorato nipote, portandolo dal caro natio paesello alla perdizione e allo scialo nella grande città.
Così almeno pensavano gli zii con atavica responsabilità sul futuro dei propri giovani.

Di lettere come queste, da qualche tempo, i nostri amministratori locali ne scrivono numerose, con il fax, e per fortuna che non si lasciano prendere la mano, anzi il dito, dall'e.mail!
E per scriverci che?

Ordinanze a ripetizione in nome delle "magnifiche sorti e progressive" della decantata liberalizzazione, più nota come signorina Concorrenza, di madre europea.

In nome della concorrenza, tutto si può e tutto si deve fare, e soprattutto presto e bene.
Poco importa se la convocazione "meramente consultiva" recita la normativa regionale sul commercio, delle categorie interessate, dei consumatori e dei sindacati diventa un fatto sbrigativo, convocato a 24 ore o poco più. Una consultazione, si sa, di questi tempi non si nega a nessuno.
Ma dal dare retta - ai doverosamente consultati - al dargli anche dignità... la differenza non è poca.

E così i punti del caro Totò diventano... puntate ai nuovi outlet, ai centri commerciali freschi di apertura e desiderosi di farsi conoscere: una domenica, due domeniche, ma sì, fai vedere che deroghiamo!

E i negozi di vicinato? Che diamine! Con il paese della cuccagna alla periferia del paese reale, sono nella condizione - ideale - per far cassa anche loro!
Una domenica, due domeniche, ma sì fai vedere che deroghiamo!

Ma che ne dicono i diretti de... interessati?
Sono state considerati i dubbi della cittadinanza, degli operatori economici che devono stravolgere la loro programmazione e andare a caccia, se vogliono rimanere aperti, di un giovane di bottega che rimanga nella medesima la domenica?

E le puntate domenicali vivacizzano davvero il paese oppure si limitano a congestionarlo? Roba da turista della mitteleuropa: dal venerdì alla domenica sbronzo, come la viabilità sbronza di un paese di poche migliaia di abitanti diventato di colpo "Disneyland". Si, Disneyland per un giorno, anzi per una domenica.

E allora avanti così: cari i nostri Totò e Peppino, altro che malafemmina che turba il nipotino in città; questa signorina Concorrenza, è il caso di dirlo, ha finito per turbare il mercato tutto intero.
E non in città, ma nel vostro piccolo e affettuoso natio paesello!

09/10/2008


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole