Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 24 Agosto 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Fe...denarismo?

 .
 

Fe... denarismo?

No Grazie. No alla mera "licenza di cassa" ai Comuni che cos' concepita deprime solo il fragile tessuto economico.

"Se il federalismo fiscale è questo, le nostre imprese preferiscono farne a meno". Massimo Zanon, Presidente di Confcommercio Unione Venezia e di Confcommercio Veneto, dice un no secco ad una proposta di riforma che, in realtà, si rivela essere solo una diversa strategia per iassegnare diversamente, ancor prima che le risorse, la capacità di riscuotere balzelli a livello locale.
Così Confcommercio dice no al possibile aumento dell'IMU, l'Imposta Comunale sugli Immobili - che sostituirà l'ICI - prevista dal nuovo fisco municipale, penalizzante per gli edifici strumentali delle imprese (premiante, invece, per i proprietari di seconde case).
L'aliquota dell'Imu, la nuova imposta sul possesso, prevista dal decreto del federalismo fiscale sul fisco municipale a partire dal 2014, viene fissata annualmente allo 0,76%. E' quanto prevede l'ultima versione del decreto del federalismo fiscale sul fisco municipale.
"Si continua a pensare - dice Zanon - che le aziende siano galline dalle uova d'oro, anche in un periodo di crisi come questo, dove le imprese chiudono o procedono sul filo della sopravvivenza, in quotidiano, precario equilibrio. Se è vero che c'è un'evasione fiscale acclarata, come annunciato proprio in questi giorni, è vero che la maggior parte delle imprese le tasse le paga, eccome, in un crescendo di pressione fiscale che non ha eguali tra i nostri competitor. Un ulteriore aumento delle imposte graverebbe quindi, ancora una volta, sugli imprenditori onesti. E su quelle piccole e medie imprese che storicamente sostengono l'economia italiana e del Veneto e andrebbero incentivate anziché castigate". Ricordando quanto detto nei giorni scorsi a proposito della tassa di soggiorno, il presidente di Confcommercio Veneto ripete: "in questo governo con le parole si abbassano le tasse, con i decreti si aumentano".

04/02/2011


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole