Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 26 Aprile 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Basilea 3

 .
 

Basilea 3

Consorzi fidi e banche insieme per una saggia applicazione dei parametri: prima di tutto fiducia e riguardo alla bontà dell'investimento

Per tutti è ormai Basilea 3 e si tratta del nuovo accordo tra governatori delle banche centrali che impone requisiti patrimoniali più severi per l'operatività delle banche.
Con immediate ricadute su tutti i soggetti che gestiscono operazioni di credito,consorzi fidi comprese e quindi sulle nostre imprese.
Primo obiettivo. è costringere le banche a garantire più risorse per affrontare anche le più gravi crisi economiche e finanziarie, rese sempre più repentine e violente dalla dinamica - e sue relative conseguenze! - "planetaria" delle transazioni finanziarie.

Senza scendere nei particolari tecnici , si può qui dire in sintesi che Basilea 3 dovrebbe essere il perfezionamento di una serie di strumenti che siano in grado di salvaguardare - i banchieri direbbero "vigilare efficacemente" - le attività bancarie per non trascinare o peggio far ricadere i costi di una crisi sempre e solamente sulle imprese, per altro le prime ad accusare gli effetti deleteri el raffreddamento dell'economia reale, fatta di prodotti e di consumi prima ancora che di "carta" anche se finanziaria.

Il rischio però è che ciò comporti un'ulteriore inasprimento dei vincoli per concedere credito, in particolare alle PMI, indipendentemente dalla loro reale capacità di esere solvibili o dalla comprovata redditività del loro investimento per il quale si orientano verso un prestito.
In particolare, in attesa che Basilea 3 venga definitivamente applicato è necessario far in modo che le PMI non vedano contrarsi il credito ad esse erogato solo per il fatto che parametri e tecnicismi contabili e di valutazione -rating - sono per lo più difficili da applicare alle peculiari dinamiche delle PMI.

Da qui la riflessione necessaria sul futuro ruolo dei consorzi fidi.
Confcommercio sta condividendo con le altre maggiori associazioni di categoria nazionali stanno promuovendo una maggior cooperazione tra istituti di credito e consorzi fidi. Questo per far sì che i piccoli imprenditori trovino in banca gli stessi criteri, semplici e rigorosi, applicati dai consorzi fidi che, grazie all'approfondita conoscenza della realtà produttiva, sanno valutare la reale affidabilità degli imprenditori.
Insomma attivare misure di accompagnamento soprattutto per le imprese per sostenere la ripresa per far si che gli imprenditori che chiedono finanziamenti per investire e produrre, trovino in banca anzitutto fiducia e non un rifiuto a priori dovuto a rigidi automatismi e modelli matematici!
I tempi per un atterraggio morbido del resto ci sono: per mettersi in regola (Basilea 3 a regime) i singoli Stati hanno tempo dal 1° gennaio 2013 fino ad arrivare alla piena attuazione al 1° gennaio 2019.

29/09/2010


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole