Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 20 Ottobre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Panificatori

 .
 

I PANIFICATORI DICONO NO AGLI AGRICOLTORI PANETTIERI

Assipan: "No alla concorrenza sleale, sì a regole uguali per tutti"

"Nell'ambito dei nuovi processi di liberalizzazione del mercato qualsiasi soggetto economico può, come di fatto già avviene da tempo, produrre e commercializzare il pane ma, oltre al rispetto tassativo delle norme igienico-sanitarie, tutti gli operatori, proprio in ottemperanza al principio delle pari opportunità nell'ambito di un sistema di libero mercato, devono osservare anche le stesse norme in materia fiscale al fine di evitare non solo ingiuste e pericolose discriminazioni ma anche una penalizzazione sul piano economico".

E' quanto si legge in una nota di Assipan-Confcommercio (Associazione Italiana Panificatori e Affini) in merito al recente decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze che, in pratica, consente agli agricoltori la vendita diretta di pane ottenuto dalla trasformazione del grano della propria azienda senza dover pagare ulteriori tasse.

"Non si tratta - prosegue la nota - di un problema di concorrenza, che nei fatti non esiste, né tanto meno di difendere rendite di posizione ormai superate, ma di un'oggettiva sperequazione fiscale che, proprio nel rispetto dell'attività dei singoli soggetti economici, impone un intervento da parte delle Istituzioni competenti finalizzato ad una omogeneizzazione dei livelli di tassazione".

"Oltre a questo, va anche evidenziato come la figura professionale del panificatore - che ogni mattina offre ai consumatori prezzo e qualità - non può essere improvvisata da chi svolge nella quotidianità un altro lavoro, come quello sicuramente nobile dell'agricoltore".

"Auspichiamo, pertanto - conclude la nota - un incontro con i rappresentanti del Ministero dell'Economia al fine di poter affrontare e risolvere una questione che altera la concorrenza e non fa certo bene al mercato, soprattutto in una fase in cui i consumi delle famiglie sono ancora stagnanti".

29/09/2010


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole