Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 26 Luglio 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

FIPE

 .
 

FIPE

No a piatti con l'etichettatura

Il progetto è di quelli che lasciano basiti ed invece rischia di diventare reale: piatti serviti al ristorante con tanto di etichettatura. È quel che potrebbe accadere se passasse una proposta legislativa europea che vuole estendere anche alla ristorazione l'obbligo di elencare gli ingredienti pensato per i prodotti alimentari preconfezionati. I menu, unico strumento per un ristoratore dove poter fornire le indicazioni, diventerebbero delle enciclopedie e andrebbero stampati quasi quotidianamente alla minima variazione anche di un solo ingrediente. Secondo Edi Sommariva, direttore generale Fipe: «I ristoratori si troverebbero in grande difficoltà ad osservare la legge per non vedersi comminare sanzioni, oppure sarebbero costretti a fare uso di pietanze preconfezionate a scapito della tanto osannata e rispettata tipicità degli alimenti. Una situazione che è in netto contrasto con la domanda di una clientela sempre più esigente nei confronti della qualità, della tipicità e della territorialità. L'imposizione di una etichettatura sui piatti porterà, infatti, ad una offerta di gastronomia sempre più omogenea e dipendente dall'industria alimentare».
Nonostante la normativa debba ancora passare il vaglio dell'Europarlamento e del Consiglio dell'Unione europea, la ristorazione di tutta Europa è insorta in massa. Il "no" si è levato corale dai rappresentanti dei francesi, irlandesi, spagnoli, italiani e di tutti gli altri paesi aderenti all'Hotrec, la federazione europea di riferimento per la categoria, riuniti nella tavola rotonda dal titolo "Gli eccessi di burocrazia minacciano la biodiversità in cucina", ultimo dei quattro convegni organizzati da Fipe a TuttoFood, la fiera milanese dell'agroalimentare. Ad annunciare battaglia in sede di istituzione europea è stata proprio Margherite Sequaris, Segretario Generale Hotrec: «Le leggi, a maggior ragione quelle europee, dovrebbero venire incontro alle necessità degli operatori per cercare di facilitare il loro lavoro e non di renderlo più complicato». Fipe sostiene che le informazioni che la legge europea vuole mettere nero su bianco vengono trasmesse dai ristoratori disposti per questo a migliorare la loro formazione per un'informazione più accurata nei confronti del cliente. «Anche noi come associazione - sostiene Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino - ci impegniamo a fare la nostra parte per informare sui rischi alimentari legati alle allergie. Non pensiamo che complicazioni burocratiche possono aiutare i consumatori ad orientarsi meglio».

23/06/2009


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole