Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 19 Agosto 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

CRISI

 .
 

CRISI

Una guida della Commissione europea

La Commissione europea ha pubblicato sul proprio sito una "guida" semplice e rapida sulla risposta dell'Unione Europea alla crisi finanziaria. La crisi che ha preso il via negli Stati uniti più di un anno fa ha fatto sentire i suoi effetti in tutto il mondo. I colossi del mondo finanziario - si legge sul sito della Commissione Europea - hanno dovuto fronteggiare improvvisamente la bancarotta.

Inevitabilmente, la crisi ha avuto effetti anche sulla crescita e sul fatturato delle aziende, determinando un aumento della disoccupazione, il cui incremento è destinato per la prima volta ad incrementarsi per diversi anni.

Nell'Unione Europea il terremoto finanziario ha dato avvio ad un'azione su vari livelli, attraverso i governi nazionali, la banca centrale europea e la commissione che stanno lavorando insieme per intervenire a salvaguardia dell'economia, per garantire il flusso di accesso al credito per le imprese e per approdare ad un migliore sistema di governance per il futuro.

La Commissione Europea - nel timore di una recessione globale - sta spingendo per una rapida adozione delle misure proposte a giugno per aiutare la piccola e media impresa per creare nuova occupazione in Europa.

Si sta chiedendo ai 27 stati membri del Parlamento Europeo di adottare rapidamente le direttive proposte sui requisiti patrimoniali per gli istituti finanziari.

Si chiede anche che il Parlamento europeo e i 27 paesi membri dell'UE adottino rapidamente la proposta di direttiva sui requisiti patrimoniali per gli istituti finanziari, al fine di governare l'eccessiva assunzione di rischi da parte delle banche, migliorando la vigilanza degli istituti di credito che operano in diversi paesi dell'Unione Europea.

La Commissione sta elaborando proposte per una regolamentazione più rigorosa delle agenzie di rating. Infatti, queste agenzie che avrebbero dovuto consigliare sulla sicurezza degli investimenti, non sono riuscite in realtà ad individuare alcuni dei rischi che hanno portato alla crisi attuale.

La Commissione sta inoltre affrontando la questione della retribuzione dei dirigenti e dei manager in un momento in cui i cittadini sono molto sorpresi che i banchieri responsabili per le loro decisioni errate di investimento, non siano chiamati a risponderne.
Il 26 novembre 2008 la Commissione ha annunciato un piano globale per aiutare l'economia europea ad uscire dalla crisi. Attraverso l'azione coordinata delle politiche nazionali e di quelle europee, il piano propone l'iniezione di 200 miliardi di euro per l'economia europea per aumentare il potere d'acquisto, stimolare la crescita e l'occupazione e incoraggiare l'obiettivo a lungo termine di uno sviluppo sostenibile fondato sul contenimento delle emissioni di CO².

In risposta alla crisi, la Commissione si è impegnata a guidare il coordinamento a livello europeo, lavorando in modo continuativo per migliorare la cooperazione internazionale e per applicare il diritto comunitario in modo flessibile e veloce.
La guida è disponibile sul sito http://ec.europa.eu/index_it.htm

23/03/2009


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole