Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 22 Ottobre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

FIVA

 .
 

FIVA

Fondo di cofinanziamento degli interventi regionali per il commercio ed il turismo - Attuazione direttive per la semplificazione dei criteri di riparto e gestione

Una buona notizia per il commercio ambulante. La G.U. del 23 giugno pubblica il decreto ministeriale che  ripartisce fra le Regioni le risorse  derivanti da una disposizione della legge finanziaria 2007 e che individua le priorità da perseguire. Si tratta di complessivi 110 milioni di euro nel triennio 2007/2009 quale cofinanziamento dello Stato per progetti strategici in materia di commercio e di turismo. Fra questi rientrano anche il sostegno ai mercati e la riqualificazione delle aree mercatali. I progetti devono essere presentati entro il 20 novembre prossimo.

 “Contenuta soddisfazione” è stata espressa dagli ambienti Fiva : l’auspicio è che gli enti locali colgano questa opportunità per ammodernare le aree mercatali.

La Gazzetta Ufficiale del 15 gennaio scorso pubblicava il Decreto del Ministro dello Sviluppo economico emarginato in oggetto con il quale si ripartiscono, in proporzione alla popolazione residente, i fondi previsti dall’articolo 14 della legge 7 agosto 1997 n. 266 fra i Comuni metropolitani di Bari, Bologna, Cagliari, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Torino e Venezia.

Il Decreto (che si allega) disponeva che entro 120 giorni dalla data di pubblicazione — e quindi entro il 14 maggio 2008 — le Amministrazioni Comunali interessate trasmettessero i programmi di intervento.
L’articolo 14 della legge 266/97 stabilisce che nelle aree di particolare degrado urbano dei Comuni capoluogo di cui sopra sono finanziati interventi per lo sviluppo di iniziative imprenditoriali ed economiche.
Gli interventi ammessi al finanziamento, i soggetti beneficiari, le aree agevolabili ed ogni altra modalità di attuazione della legge sono compresi nel Decreto Ministeriale 14 settembre 2004 n. 267 pubblicato in G.U. n. 264 del 10 novembre 2004, recante modificazioni al regolamento di attuazione della legge.
Fra le azioni finanziabili di cui all’articolo 3 del decreto figurano l’animazione economica, l’assistenza tecnica per la progettazione ed avvio di iniziative imprenditoriali, la promozione per la partecipazione di imprese a fiere, interventi per sviluppare l’associazionismo economico, interventi formativi e partecipazione a fondi di garanzia.
Ai sensi dell’articolo 4 della Legge in oggetto, ai soggetti beneficiari, e cioè alle piccole imprese, sono concesse agevolazioni per la realizzazione di progetti in aree di degrado urbano anche attraverso sgravi di imposte locali, All’istruttoria delle domande provvedono i Comuni.  

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO
DECRETO 24 ottobre 2007
Determinazione delle risorse da trasferire ai comuni per l'attuazione degli interventi nelle aree di degrado urbano.
IL VICE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO
Vista la legge 7 agosto 1997, n. 266, recante interventi urgenti per l'economia ed in particolare l'art. 14 concernente interventi per lo sviluppo imprenditoriale in aree di degrado urbano e sociale;
Visto il regolamento vigente sulle modalita' di attuazione degli interventi imprenditoriali in aree di degrado urbano, approvato con decreto del Ministro delle attivita' produttive di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali 14 settembre 2004, n. 267, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 264 del 1° novembre 2004;
Visto il proprio decreto 11 luglio 2007 relativo alla programmazione delle risorse nell'ambito del Fondo per la competitivita' e lo sviluppo, ai sensi dell'art. 1, comma 841 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007), che dispone nell'allegato la assegnazione di Euro 20.000.000,00 agli interventi previsti dall'art. 14 della citata legge 7 agosto 1997, n. 266;
Tenuto conto dei dati Istat sulla popolazione residente, secondo le risultanze anagrafiche al 1° gennaio 2006, nei comuni capoluogo individuati dall'art. 17 della legge 8 giugno 1990, n. 142;
Decreta:
Articolo unico
1. La disponibilita' finanziaria pari ad Euro 20.000.000,00 prevista dall'allegato al decreto 11 luglio 2007 e' ripartita tra i Comuni di seguito indicati, cosi' come individuati dall'art. 17 della legge 8 giugno 1990, n. 142, nelle more dell'attuazione degli articoli 22 e 23 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, in misura proporzionale alla popolazione residente nel mese di gennaio 2006 per gli importi di seguito indicati:

=====================================================================

Comune | Disponibilita' finanziarie

=====================================================================

Bari.... | 831.918,00
Bologna.... | 951.084,00
Cagliari.... | 408.156,00
Firenze.... | 933.673,00
Genova.... | 1.578.551,00
Milano.... | 3.330.408,00
Napoli.... | 2.504.653,00
Roma.... | 6.483.208,00
Torino.... | 2.291.825,00
Venezia.... | 686.524,00
2. Entro centoventi giorni dalla data di pubblicazione del presente decreto, ai fini del trasferimento delle predette risorse, le amministrazioni comunali, in applicazione delle disposizioni previste dal regolamento vigente, trasmettono i programmi di intervento al Ministero dello sviluppo economico e al Ministero del lavoro e delle politiche sociali.
Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 24 ottobre 2007
Il Vice Ministro: D'Antoni
Registrato alla Corte dei conti il 13 dicembre 2007
Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita' produttive, registro n. 4, foglio n. 251

22/07/2008


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole