Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 28 Aprile 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

L'impresa femminile

 .
 

L’Impresa Femminile:

una vera e propria “locomotiva” tascabile.
Il crescente ruolo delle imprenditrici immigrate e il made in chinitaly

Le imprese in rosa crescono il doppio della media nazionale. Lo rileva un rapporto di Unioncamere — Osservatorio sull’Imprenditoria Femminile elaborato sulla base dei dati del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio. che riporta un incremento di ben 8.000 imprese  nuove nel solo 2007 )+0,7 % rispetto all’ano precedente): ormai il 25% delle imprese ha un titolare donna. Un vero e proprio esercito che produce e che conta 1,2 milioni di “capitane” d’azienda.

La diffusione maggiore è al Centro Sud ed operano  per lo più nei comparti  del commercio in agricoltura e nei servizi alle persone, (il 50% circa del totale).
I settori più dinamici? Commercio, cura della persona e istruzione, servizi alle imprese (intermediazione immobiliare, informatica, ricerca: +4,5% nell’anno), alla ristorazione e all'accoglienza (+1,9%).
Non mancano per altro imprese femminili nei campi delle costruzioni (+7,5%) o dei trasporti (+1,8%). Pur rimanendo consistente (quasi 260mila imprese, più del 20% del totale delle imprese femminili), si va invece lentamente riducendo la quota di imprese rosa nell’agricoltura (-2,3% nei dodici mesi del 2007).

L’area a più alta concentrazione di imprenditrici donne si conferma il Mezzogiorno (457.189 imprese, il 26,6% del totale delle imprese attive dell’area), seguita dal Centro dove le imprese femminili sono il 25,2% del totale.
Ma in termini assoluti, invece, è il Nord-Ovest (con 307.423 imprese) ad occupare la seconda posizione dopo il Sud.

Guardando alle variazioni rispetto all’anno precedente, tuttavia, il Mezzogiorno appare l’area meno dinamica del Paese (solo +0,17%), mentre è il Centro (+1,8%) ad esprimere con maggior forza l’espansione delle imprese femminili nel tessuto imprenditoriale nazionale.

I SETTORI
Il settore dell’edilizia sembra davvero essere la nuova frontiera dell’imprenditoria femminile. Il settore costruzioni, infatti, registra il tasso di crescita più consistente nel 2007:+7,5% rispetto al 2006, quando la crescita fu lievemente superiore (+8,0%).
Salgono così a 45mila le imprese femminili attive in questo settore nel quale la componente rosa  costituisce oramai il 5,8%degli imprenditori.
Ma riescono anche le attività immobiliari, l’informatica e la ricerca (+4,5%),l’intermediazione monetaria e finanziaria (+3%), i trasporti, il magazzinaggio e le comunicazioni (+1,8%) e la pesca (+7,2%). Sensibile anche la crescita rispetto allo scorso anno nei settori tradizionalmente più aperti alla presenza femminile: la sanità ed altri servizi sociali crescono del 5,2%, l’istruzione (+2,9%), gli alberghi e ristoranti (+1,9%). Sostanzialmente fermo il commercio (+0,1%) e in riduzione le attività manifatturiere (-0,5%).

Un’attenzione particolare, infine, meritano le imprenditrici immigrate che a fine anno hanno registrato un incremento del +9,2%. Nel 2007 sono nate, grazie alle donne immigrate, 3.647 imprese: di fatto il 44% delle imprese rosa  che hanno esordito lo scorso anno sull’economia italiana che può vantare oggi oltre 43.000 imprese guidate da donne immigrate, + 9,2% rispetto al 2006.

E ad essere precisi, l’impresa rosa parla soprattutto cinese: sono oltre 11mila, in crescita del 16,4% rispetto a un anno fa seguite — escludendo la Svizzera - dalle colleghe marocchine 3.451 unità, +14,6% rispetto al 2006. Tra le comunità emergenti, si segnala il forte l’incremento percentuale delle imprenditrici albanesi (+26,6%) e delle Ucraine (+24,1%).

Non vi è dubbio che anche dal punto di vista associativo e dei servizi specifici da offrire da parte di Confcommercio, si tratta di numeri davvero notevoli!

26/03/2008


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole