Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 25 Aprile 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Partita Iva & web

 .
 

La partita Iva? Va messa anche sul tuo web!

La disposizione risale al 2001, ma è per lo più disattesa... nonostante le sanzioni siano severe

La partita Iva va in home page.Un obbligo poco conosciuto e osservato per il quale è prevista una sanzione amministrativa

Probabilmente pochi lo sanno, ma chi è titolare di partita iva  ha un proprio sito web personale, è obbligato ad indicarla sullla home page.

E pensare che l'obligo  non è di oggi, visto che la disposizione risale al 2001, precisamente è stata introdotta dall'articolo 2 del Dpr n. 404 del 5 ottobre 2001, che specifica come il numero di partita Iva "deve essere indicato nelle dichiarazioni, nella home-page dell'eventuale sito web e in ogni altro documento ove richiesto"

Ad evidenziare la sistematicaviolazione della disposizione è stata proprio l'Agenzia delle Enrate. Del resto a seguito di unarecente indagine informale, emerge che su dieci siti visitati (banche, provider, e-commerce, Tv) solo quattro riportavano correttamente il numero nella prima pagina. Da notare che l'omissione della partita riguarda anche aziende di media e grande dimensione e ampiamente conosciute dal pubblico.

Vista la situazione l’Agenzia ha voluto ricordare a tutti la disposizione con una nuova risoluzione (n. 60 del 6 maggio del 2006) che conferma l’obbligo non solo per i siti di e-commerce. "D'altro canto - afferma la risoluzione - qualora l'indicazione del numero di partita Iva nel sito web fosse necessaria solamente per quanti svolgono attività di commercio elettronico, non vi sarebbe stata ragione di qualificare, al comma 1, il sito web come "eventuale", posto che, in caso di commercio elettronico, l'esistenza di uno spazio web è necessaria ai fini dello svolgimento dell'attività".

La sanzione amministrativa per l'omessa partita iva su web va da 258,23 a 2.065,83 euro . Comunque per mettersi in regola basta inserirlo in home page. Un’operazione di pochi minuti che evita di cadere nella rete dei controlli che, per esempio, sono stati effettuati dalla direzione regionale delle Entrate della Liguria che ha individuato 81 siti senza il prezioso numero. Fra i siti ci sono anche quelli di qualche avvocato.

L'invito dunque è quello di provvedere immediatamente poichè i controlli si faranno più sistematici.


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole