Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 23 Aprile 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI    FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE   CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

La nuova Prevenzione Incendi

 .
 

 

D.P.R. 1 agosto 2011 n. 151

La nuova Prevenzione Incendi.

Con la presente si informa che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 221 del 22/9/2011 il D.P.R. 1 agosto 2011 n. 151 contenente il "Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell'articolo 49, comma 4-quater, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122".

Il decreto, che è entrato in vigore il 7 ottobre 2011, riporta in un allegato le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi.

Rispetto alla precedente normativa si riscontra che anche altre tipologie di attività sono entrate a far parte di questo allegato. Risulta quindi obbligatorio adeguare le stesse ai fini della prevenzione incendi con l'avvio dei nuovi procedimenti di autorizzazione antincendio (ex Certificato di Prevenzione Incendi - CPI) da parte del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco.

Si riporta a titolo esemplificativo alcune di queste nuove (o modificate) tipologie di attività soggette:

• Locali di spettacolo e di trattenimento in genere, impianti e centri sportivi, palestre, sia a carattere pubblico che privato, con capienza superiore a 100 persone, ovvero di superficie lorda in pianta al chiuso superiore a 200 m2 . Sono escluse le manifestazioni temporanee, di qualsiasi genere, che si effettuano in locali o luoghi aperti al pubblico.

• Strutture turistico-ricettive nell'aria aperta (campeggi, villaggi-turistici, ecc.) con capacità ricettiva superiore a 400 persone.

• Aziende ed uffici con oltre 300 persone presenti.

• Edifici e/o complessi edilizi a uso terziario e/o industriale caratterizzati da promiscuità strutturale e/o dei sistemi delle vie di esodo e/o impiantistica con presenza di persone superiore a 300 unità, ovvero di superficie complessiva superiore a 5.000 m2, indipendentemente dal numero di attività costituenti e dalla relativa diversa titolarità.

• Autorimesse pubbliche e private, parcheggi pluriplano e meccanizzati di superficie complessiva coperta superiore a 300 m2.

Qualora venga riscontrata la mancanza dei requisiti di sicurezza richiesti, l'organismo di vigilanza ne dà immediata comunicazione all'interessato ed alle autorità competenti ai fini dell'adozione dei relativi provvedimenti che si possono tradurre in sanzioni amministrative, penali e interdittive delle attività imprenditoriali (art.20 D.Lgs. 139/06).

11/10/2011


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole