Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 23 Ottobre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

Momento difficilissimo

 .
 

Momento difficilissimo: Confcommercio invita tutti alla responsabilità verso il Paese

"Nessuno può invocare interessi di cortile di fronte alla situazione difficilissima in cui versa il Paese: scelte irresponsabili faranno pagare un prezzo carissimo a cittadini ed imprese". Francesco Antonich, Vicedirettore di Confcommercio Unione Venezia, esprime tutta la sua preoccupazione nel commentare le ultime notizie che vengono dalla politica.
"Non dimentichiamo che, pur nella criticabilità di molte sue misure" - continua Antonich - "il Governo Monti ha fatto si che l'Europa concedesse un credito di fiducia al Paese, certo più ai suoi cittadini, imprenditori che ai suoi politici: del resto è chiaro: la legge di Stabilità sarà sopportata dagli italiani non certo dai loro politici che stanno ancora a discutere su come non venir meno ai loro privilegi".
Ed è proprio il rischio che la Legge di stabilità non venga approvata, mandando l'Italia in esercizio provvisorio che getta un inquietante ombra sul futuro prossimo del Paese e su come se lo giocheranno, a quel punto, mercati e Unione europea.
Intanto il quadro delle famiglie italiane è sempre più desolante: il quarantaseiesimo rapporto annuale del Censis sulla situazione sociale del Paese parla chiaro: dopo l'aumento, negli anni '90, del reddito netto pro capite e una certa stabilità sino ai primi anni del nuovo secolo, dal 2007 è bruscamente sceso ai livelli del 1993: -0,6% in termini reali tra il 1993 e il 2011.
"Ovvio che il sentimento di oltre la metà dei cittadini" rincara la dose Antonich- " sia la rabbia, mista alla consapevolezza che la situazione drammatica imponga sacrifici enormi, ma che la colpa vada ricercata nelle scelleratezze del passato recente e non".
La dice il lunga il fatto che, sempre secondo il Censis, solo il 10,6%, scommetterebbe su un possibile cambiamento in positivo della realtà a breve termine.

11/12/2012

 


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole