Questo sito � stato realizzato con tecnologia Flash 7.0.
Se non visualizzi correttamente il filmato scarica il flash player
Oggi � il 23 Ottobre 2017 | Mappa del Sito  MAPPA DEL SITO  |  Gallery  FOTOGALLERY |  Link Utili  LINK UTILI
ASSOCIAZIONE   SERVIZI   FORMAZIONE   AREA RISERVATA   COMUNICAZIONE    CONTATTI  
Argomenti


Ricerca nel Sito
Inserisci un termine di ricerca
 
 .

MEDIATORI CREDITIZI

 .
 

FIMAA: PREOCCUPAZIONE PER IL FUTURO DEI COLLABORATORI DEI MEDIATORI CREDITIZI

Simonetto (Fimaa Venezia): il testo all'esame del Parlamento impone ai collaboratori il contratto di agenzia, contrariamente al parere espresso dal Ministero del Lavoro

F.I.M.A.A. Confcommercio esprime grande preoccupazione sull'iter del 2° correttivo del D.Lgs.141/2010 di riforma del mercato del credito, attualmente all'esame dei due rami del Parlamento.
In particolare per quanto attiene alla figura del collaboratore dei mediatori creditizi e degli agenti in attività finanziaria, il testo trasmesso dal Governo alle Commissioni parlamentari per il previsto parere prevede, infatti, per tale figura la esclusiva applicazione del contratto di agenzia di cui all'art.1742 c.c. (come un agente di commercio), in contrasto con il parere del Ministero del Lavoro, che ha espresso l'avviso che appare inopportuna, oltre che non corretta sul piano giuridico, l'impostazione normativa dell'obbligo di adottare per il collaboratore un tipo contrattuale predefinito.
Fimaa sottolinea che nell'ambito dell'autonomia contrattuale loro garantita dall'art.41 della Costituzione, ha in fase avanzata una trattativa per la regolamentazione collettiva del rapporto di lavoro tra i mediatori creditizi/agenti in attività finanziaria e i loro collaboratori.
L'impostazione data alla figura del collaboratore nel testo del 2° correttivo, così come formulata, priva i collaboratori del settore di tutele e di diritti contrattuali e crea nel settore ulteriori criticità e possibili rischi sul versante occupazionale, senza peraltro realizzare maggiori tutele per i consumatori; occorre invece puntare sull'impegno dei mediatori creditizi/agenti in attività finanziaria con una formazione più ampia rispetto a quella minima prevista dalla legge, per ottenere una sempre maggiore crescita professionale del collaboratore e realizzare così una adeguata tutela del consumatore nel mercato del credito.
Il Presidente di Fimaa Venezia Alessandro Simonetto si augura un pronto intervento del Governo, affinché il testo del 2° correttivo venga modificato tenendo conto del parere espresso dal Ministero del Lavoro e venga restituito all'autonomia contrattuale delle parti sociali il potere di regolamentare il rapporto di lavoro dei collaboratori che opereranno nel riformato mercato del credito.

24/07/2012


 
 .  .

Homepage Contattaci Mappa del Sito Copyright � 2000 / 2012 - Confcommercio Unione Venezia - C.F. 80012160273
Tel. 041.5310988 | E-MAIL: unione@confcom.it

CREDITS | PRIVACY
Ascom Chioggia Ascom Cavarzere - Cona Ascom Riviera del Brenta Ascom Marghera Ascom Mestre Ascom mirano Ascom Basso Piave Ascom Portogruaro Ascom Venezia e Isole